PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Teatro - Recensioni e Profili
" 'O Scarfalietto" Stampa E-mail
Uno spettacolo spassosissimo scritto da Scarpetta, padre della moderna commedia napoletana
      Scritto da Elena Gialloreti
28/06/05
scarpetta_oscarfalietto.jpg

'O Scarfalietto -
Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta

Di recente abbiamo assistito ad una delle migliori creazioni in tre atti di Eduardo Scarpetta, 'O Scarfalietto (espressione napoletana che indica lo "scaldaletto").

Scritta nel 1881, è ispirata all’opera francese La Boulé di Meilhac e Halévy, di cui però Scarpetta non si è limitato a fare una semplice traduzione letteraria dal francese al napoletano: la sua è stata una rilettura completa.

La commedia ruota tutta attorno al personaggio di Felice Sciosciammocca - una delle maschere più frequenti nelle opere di Scarpetta, che esprime in sé i caratteri fondamentali della commedia napoletana - e di sua moglie Amalia. I due giovani coniugi litigano continuamente a causa di tanti piccoli e quotidiani fraintendimenti, come l'invadente "scaldaletto" che tormenta le notti trascorse nel talamo nuziale. Un bel giorno, esausti l’uno dell’altra, decidono di separarsi convocando i rispettivi avvocati. A questo punto entrano in scena vari personaggi, tra cui Gaetano Capocchia, uomo curioso e dal carattere singolare, che si era rivolto ai coniugi Sciosciammocca per affittare una casa di loro proprietà nella quale sistemare la sua giovane amante, la ballerina Emma Carcioff. La storia si snoda nell’atmosfera esagerata ed inverosimile delle commedie di Scarpetta, e il finale, che si svolge in un aula di tribunale dove si chiariscono tutti gli equivoci, è un vero colpo di scena: i coniugi Scioscaimmocca decidono di non separarsi più.

Il teatro di Scarpetta rappresentò una grande novità per i suoi tempi, tanto da produrre opere divertenti e godibili tutt’oggi. Egli era riuscito a percepire che i gusti del pubblico erano cambiati. Il repertorio della tradizione napoletana era diventato obsoleto e gli intrecci troppo ingenui, legati com'erano a un'epoca romantica – fine ’800 - ormai in declino. Elaborò quindi personaggi che, da una parte, esprimevano i caratteri immutabili della ‘napoletanità’; dall’altra, attingevano al quotidiano, rispecchiando fedelmente la condizione sociale del popolo napoletano: dalla sguattera maltrattata al nobile nullafacente. Ma la vera magia sta nel fatto che alla fine di ogni storia per tutti questi personaggi c’è un riscatto; ciascuno di loro vive un disagio quotidiano, una frustrazione, dalla quale però è possibile evadere. L’invito per il pubblico è quello di ridere, perché soltanto col sorriso e con la battuta la vita assumerà un altro colore!



Giudizio Utente: / 4

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005