PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Temi caldi - Eutanasia
Ricordando Terri Stampa E-mail
Terri Schiavo, la giovane che sorrideva e rispondeva agli stimoli, lasciata morire di fame e di sete
      Scritto da Francesco Cassani
08/11/05
Terri Schindler Schiavo durante il periodo della sua malattia

Il 25 febbraio 1990 Terri Schindler, coniugata Schiavo, ha un collasso in casa per uno squilibrio del potassio: le si ferma il cuore, quanto basta per provocare al cervello danni che molti medici, successivamente, giudicheranno irreparabili.

Il marito Michael Schiavo intenta una causa contro i medici che avrebbero curato male Terri, ottenendo nel 1992 un risarcimento di un milione di dollari.

A questo punto iniziano i dissidi tra Michael Schiavo e i genitori di Terri - i coniugi Schindler - sul tipo di assistenza da fornire a Terri e sul modo di utilizzare i soldi del risarcimento (che i genitori vorrebbero destinare interamente alle cure). Michael Schiavo si fa forte di una legge della Florida, che assegna la tutela legale al coniuge del malato incapace di assumere decisioni, e nel 1993 fa interrompere le cure riabilitative. I coniugi Schindler chiedono la revoca della tutela legale a Michael, vedendo però respinta tale loro richiesta.

La battaglia legale si protrae negli anni successivi. Il marito di Terri continua a impedire le cure riabilitative, facendosi forte di alcuni pareri medici che ritengono lo stato vegetativo irreversibile, e raccontando inoltre che Terri gli avrebbe confidato di preferire, qualora si fosse trovata in una situazione simile, la morte. Nel 1998 chiede anche di rimuovere il tubo dell’alimentazione artificiale. I genitori oppongono altre perizie mediche secondo le quali in questa materia non esistono certezze assolute, evidenziando l'esistenza di casi simili - se non uguali - in cui si è verificato un risveglio inaspettato anche dopo molti anni, e lamentando il fatto che a Terri non sono state prestate tutte le cure normalmente in uso con i cerebrolesi.

Il movimento americano delle associazioni (laiche e religiose di ogni confessione) dei disabili e dei loro familiari diffonde informazioni da cui si evince che Terri non è una donna tenuta in vita in modo artificiale. E' una grave cerebrolesa, cosciente e reattiva al di là dei semplici riflessi. Come è stato dimostrato dalla sua abilità di seguire con gli occhi, è in grado di rispondere ai comandi verbali dei medici che l'hanno esaminata e di reagire - con uno splendido sorriso - alle persone care. E' in grado di deglutire la propria saliva e potrebbe potenzialmente essere svezzata dal tubo di alimentazione e recuperare parte del linguaggio, in modo da poter indicare direttamente i propri desideri. In sostanza, ciò di cui si discute non è se prendere atto della morte di una persona, ma se dare la morte, praticare l'eutanasia ad un portatore di handicap.

Sui comportamenti del marito si addensano ombre. Una perizia di parte, prodotta dai genitori, ritiene che il danno riportato da Terri sia compatibile non solo con uno strano "squilibrio del potassio", ma anche con eventuali maltrattamenti subìti. Inoltre, si sottolinea da più parti che Michael Schiavo ha ricordato i presunti desideri di Terri solo dopo che gli è stato riconosciuto l'indennizzo, destinato all'assistenza sanitaria di Terri (ricordarlo prima avrebbe reso inutile un risarcimento per assistere una persona alla quale si voleva dare la morte...). Oltre la metà dell'indennizzo è stata spesa per la battaglia legale per ottenere il distacco del tubo di alimentazione; oltre 200 mila dollari Michael li ha pagati al suo legale. Infine, Michael Schiavo si è rifatto una vita con un'altra donna: per cui abbiamo assistito al paradosso di un uomo che si comporta come l'ex marito di una donna che ritiene morta, e però esercita la tutela legale su quella stessa donna viva!

I giudici continuano a dar ragione a Michael, perché la legge della Florida (negli USA la Corte Suprema federale ha decretato che si tratta di materia di competenza statale e non federale), oltre ad individuare nel coniuge la persona cui affidare la tutela legale, individua come criteri per decidere: "la prova chiara e convincente che la decisione presa sarebbe stata anche quella del paziente" o, in mancanza, "gli interessi del paziente". Ebbene, il dramma di una giurisprudenza che si va consolidando negli Stati Uniti - e non solo -, suscitando lo sdegno di larga parte dell'opinione pubblica e della classe politica americane, è che l' "interesse" della persona è ritenuto qualcosa di incerto: tra la vita (o anche solo - per chi fosse ancorato al criterio della "qualità" della vita -  la possibilità della vita, legata ad una pur faticosa riabilitazione) e la morte, i giudici non sanno scegliere! Per cui tutta la vicenda giuridica si è imperniata solo sull'altro criterio, la presunta volontà di Terri, e sull'attendibilità delle rivelazioni in merito fatte dal marito.

L'indignazione dell'opinione pubblica si esprime in maniera plateale, trasformando la vicenda in un caso politico nazionale. Il Governatore e il Parlamento della Florida intervengono più volte: con decreti che ordinano di riattaccare il tubo dell’alimentazione ogni volta che il giudice Greer ne ordina il distacco; con una legge che la Corte Suprema della Florida però ritiene incostituzionale. Anche il Congresso federale e il Presidente esercitano pressioni sui giudici, inascoltate. Alla fine il potere giudiziario prevarrà su quelli esecutivo e legislativo: ed anche questo aspetto è stato da molti ritenuto una preoccupante espropriazione della volontà popolare.

Manifestazioni continue di cittadini si tengono di fronte al Woodside Hospice di Pinellas Park, dove è ricoverata Terri, chiedendo che sia alimentata e curata. Manifestazioni spesso “colorate”, come è uso degli americani: ad esempio un tale si reca ogni giorno davanti all'ospedale con il suo pappagallo, al quale ha insegnato a ripetere: “date da magiare a Terri!”

Anche molti esponenti della cultura liberal (di sinistra) americana denunciano l'enormità di quello che sta succedendo, come ha riportato una cronaca di Cristian Rocca su Il Foglio.

Ralph Nader, il candidato-bandiera della sinistra radicale americana, in un’intervista concessa a CitizenLink ha detto che quello di Terri è un “omicidio imposto da un tribunale”. Nader ha posto dei dubbi sulle intenzioni del marito e ha detto che “non c’è alcun modo di sapere se lei voglia o no che le sia fatto quello che le stanno facendo né se abbia cambiato idea rispetto alla posizione che forse, o forse no, aveva espresso quando era giovane”. Il difensore dei consumatori ha denunciato la presenza della polizia nella stanza di Terri e l’assurdità di una situazione che porterebbe all’arresto dei genitori se porgessero alla figlia un cucchiaino di zucchero: “Ecco fino a che punto è diventata barbarica la vicenda”. Nat Hentoff, ateo patentato e uno dei giornalisti d’America più attenti ai diritti civili, ha scritto sul più radicale dei giornali di New York, il Village Voice, che “abbiamo guardato la storia di una donna, il cui unico crimine è quello di essere disabile, torturata a morte dai giudici, da tutti i giudici fino alla Corte suprema”. Secondo una delle icone liberal di Manhattan, si tratta “della più lunga esecuzione pubblica nella storia dell’America”. Eleanor Smith, lesbica, atea, di sinistra, porta al petto la spilletta “Feed Terri”, date da mangiare a Terri, e alla Reuters ha detto che “a questo punto vorrei un militante cristiano di destra a decidere del mio destino, non un iscritto alla Aclu”, la potente associazione di sinistra che difende i "diritti civili" degli americani.

Il 18 marzo 2005 il giudice della Florida Greer dispone in via definitiva il distacco del tubo che alimenta Terri. Comincia una lenta agonia, che durerà quattordici giorni, a ulteriore dimostrazione che Terri Schindler Schiavo non era artificialmente tenuta in vita da una macchina, che non bastava "staccare la spina". Agenti presidiano il suo letto, per impedire a genitori e volontari ogni tentativo di dare a Terri cibo ed acqua. Una volontaria insistente viene arrestata: per cui abbiamo anche potuto assistere al paradosso moderno dell' "arresto del buon samaritano"!

Il 31 marzo 2005 Terri muore.



Giudizio Utente: / 10

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005