PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
AttualitÓ
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
CittÓ e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - AttualitÓ e Costume
PapÓ sul lastrico dopo il divorzio Stampa E-mail
"E' allarme, serve un fondo di garanzia". I disastri sociali del divorzio facile
      Scritto da Cristiana Mangani
15/11/10

L’idea arriva dai “cugini” francesi: una polizza assicurativa che serva a garantire gli alimenti all’esercito dei divorziati che affollano le nostre città. Il periodo è di grossa crisi e il suggerimento appare buono. Così l’Italia rilancia, e lo fa attraverso l’Associazione avvocati matrimonialisti italiani che snocciolano dati impressionanti, da nuova povertà: solo a Roma, all’interno del raccordo anulare, 90 mila persone tra separati e divorziati sono costrette a vivere come barboni. Cinquantamila a Milano.

L’avvocato Gian Ettore Gassani, che presiede l’Associazione, parla di un vero e proprio dramma sociale, di padri che finiscono a dormire in macchina, di madri che non ricevono gli assegni per i figli e rischiano di perderli. O anche di casi come quello di ieri, in provincia di Asti, dove un papà, separato in casa, si è tagliato le vene dei polsi e del collo davanti al figlio di 5 anni. Storie drammatiche, e intorno una realtà della quale molti neanche ne sospettano l’esistenza.

«La crisi economica del nostro paese - spiega Gassani - ha travolto la famiglia. Nell’immaginario collettivo a separarsi sono i ricchi, invece il 95 per cento sono operai, insegnanti, impiegati. Tutta gente che ha uno stipendio che non supera i 1.600 euro. E se c’è un mutuo da pagare, si finisce alla Caritas». Sono perlopiù gli uomini a finire sul lastrico, ma anche un 4 per cento di donne che provvedono a mantenere marito e figli. Accade più al Nord e meno al Sud, perché in quei paesi esistono un maggior numero di imprenditrici rispetto al meridione. Ma il vero problema è che quando il Tribunale condanna il marito a pagare 8-900 euro di alimenti a figli e moglie, alla fine, stanno male tutti. E così c’è chi smette di passare gli alimenti e riduce il 30 per cento delle mogli alla totale indigenza. L’associazione pensa che una soluzione potrebbe essere istituire un fondo di garanzia o introdurre una polizza assicurativa anche in Italia.

«Però - sottolinea l’avvocato - non è un provvedimento che può essere lasciato alla discrezionalità di questa o quella amministrazione. Deve essere una decisione nazionale. Altrimenti non c’è da meravigliarsi se scoppia la tragedia. Dal 2006, nel nostro paese, è avvenuto un triste sorpasso: la famiglia uccide più della mafia. Senza contare che il Tribunale di Roma, solo per citarne uno, è ingolfato da procedure di recupero crediti da parte dei mariti insolventi».

Negli uffici dell’Aim sono arrivati casi disperati, come quell’insegnante di Latino e Greco, di 47 anni, che si è separato ed è stato condannato a pagare un mantenimento di 900 euro. Un bel giorno si è visto arrivare dei soldi dai genitori dei suoi alunni: lo avevano scoperto mentre si lavava alla fontanella e dormiva nella macchina. Una dimostrazione d’affetto che lui non ha potuto permettersi di rifiutare. Ma si è sentito talmente umiliato da chiedere il trasferimento dalla scuola.
Una mamma con due bambini e un marito che ha perso la testa per una giovanissima straniera, è finita anche lei alla fame. Se non avesse avuto i genitori pronti a ospitarla, avrebbe rischiato di vedersi togliere i figli.

«Bisognerebbe che i Comuni mettessero a disposizione di queste persone - insiste Gazzani - case a prezzi stracciati e un posto dove andare a mangiare. E poi, ormai, anche il Diritto di famiglia andrebbe umanizzato, così come le aule di Tribunale. Per avere una sentenza di divorzio ci possono volere 12 anni, mentre le coppie in 27 minuti vengono separate».



Giudizio Utente: / 2

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
AgorÓ
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
UtilitÓ varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
ę Miro International Pty Ltd 2000 - 2005