PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Lettere - Al Direttore
Buoni propositi Stampa E-mail
01/01/11

Ecco un nuovo anno. Sarà l'inizio di un ciclo migliore, sarà un'occasione di cambiamento da non sprecare? Oppure il tempo scorrerà sempre uguale, incosciente dei giorni, delle programmazioni, dei tanti appuntamenti da fissare e del futuro? Fra le illusioni e la monotonia cosa prevarrà?

Probabilmente la via più saggia da intraprendere è quella intermedia, fatta di un ottimistico realismo. Un nuovo anno può davvero essere l'occasione per fare dei buoni propositi. Non si tratta di abbandonarsi ai sogni o a vane speranze. E' il caso, invece, di trovare la forza per fermarsi, per meditare, per riconoscere le certezze che derivano dal passato, per verificare i dubbi ancora irrisolti e forse destinati a rimanere tali, per aver il coraggio e l'umiltà di porre dei nuovi interrogativi. Le esperienze future, quelle mai vissute prima, che ci attendono nel 2011, probabilmente ci aiuteranno a rispondere a molte domande che sono maturate nel 2010.

Riuscire a decidere di avere, e in certi casi (speriamo tanti), a mantenere un approccio serio, non irriverente, superficiale o distruttivo, alla vita è già un obiettivo positivo. Il desiderio di ricercare un senso per vivere, collocandosi consapevolmente nel tempo che muta e che ci trasforma, è uno "dei buoni propositi" più importanti.

Certamente, aspirare ad una generica "bontà" è un bene e può evocare diverse situazioni concrete in cui provare ad applicare una maggiore generosità di cuore.

Eppure ciò che oggi appare davvero indispensabile, perché a volte carente, è la capacità di essere veri, di poter esprimere se stessi, di trovare un modo per realizzarsi, di sapersi "riconoscere" e nel provare a essere "riconoscibili", perché unici, in una società globalizzata, che sempre di più permette di pensare all'umanità in termini non più di lontananza, ma di familiarità e di vicinanza. Conoscere se stessi, la propria personalità, parlare con la voce del cuore e dell'anima, assumere un ruolo attivo e benefico nella società civile ... possono essere delle mete da inserire fra i primi posti della leziosa, eppure utile, lista dei "buoni propositi" del 2011.

 

                                                                                      Paola Morgigni



Giudizio Utente: / 0

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005