PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualità
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Città e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Religione e società - Notizie e Commenti
La nuova alleanza è nata meticcia nel nome della madre Stampa E-mail
Le sorprese per chi crede che il Dio della Bibbia sia "maschilista"
      Scritto da Erri De Luca
06/09/09

Donne nelle Sacre ScrittureNella lingua ebraica, matrice prima della rivelazione monoteista, è stabilita una marcata divisione tra genere maschile e femminile. Non solo nei sostantivi e negli aggettivi, come da noi, ma pure dentro i verbi, che hanno formule diverse se applicate alla donna o all’uomo.

Il comandamento «Non ammazzare», in ebraico «Tu non ammazzerai», è rivolto a un tu maschile, e così tutti gli altri articoli.
Le donne possono fare a meno delle tavole della legge? No, la divinità si rivolge a un tu maschile per affidargli il compito di conservare e tramandare la notizia sacra.

L’uomo è un cancelliere che trascrive atti e parole della divinità. Maschio in ebraico si dice «zahàr» (acca molto aspirata), parola che viene dal verbo ricordare. La funzione del maschile è custodire e trasmettere la vita seconda, che è la parola sacra.
La vita prima, mettere al mondo figli e rinnovare la specie, è competenza strettamente femminile. L’ambito delle nascite è sotto il loro pieno controllo.

Un lettore di Scrittura sacra si stupisce a leggere che il nome del primogenito del mondo, Caino, è dato da sua madre. Così è anche per il nome dei figli seguenti: e il capofamiglia Adàm? Lui che ha messo i nomi a tutti gli animali non può decidere quello dei suoi figli? No, anche quello spetta a Eva.

Un lettore di Scrittura sacra si stupisce che Sara, moglie di Abramo, un giorno prende la sua schiava Agar e la infila nel letto del marito: per ricevere attraverso di lei un figlio, visto che il suo grembo tarda a schiudersi. Sara decide e dispone del seme di suo marito. Alle donne spettava governo della vita, della riproduzione, della fertilità.

Gli uomini lavoravano e custodivano terra e parole sacre: bello che in ebraico i verbi siano gli stessi per le due opere. Quando la divinità deve convincere attraverso Mosè il popolo di Israele a lasciare l’Egitto, ricorre a dieci castighi contro i padroni di casa e a una sola lusinga verso gli ebrei schiavi. Non annuncia loro la libertà, parola e notizia che ignorano da quattrocento anni, ma promette: «Una terra che ha mestruo di latte e miele». Nelle traduzioni in circolazione non si legge questo verbo tipicamente femminile, ma in ebraico è quello del ciclo mensile della fertilità femminile. La divinità vuol dire che la terra promessa avrà la stessa prodigiosa fertilità della donna ebrea e produrrà abbondanza a ritmo di cicli femminili. Quel popolo, Israele, era entrato in Egitto contando poche decine di persone e nel giro di 400 anni aveva raggiunto gli effettivi seicentomila maschi. La fertilità delle donne ebree era leggendaria, un Faraone se ne preoccupa al punto di volerla controllare affogandone i neonati nel Nilo. Allora la divinità usa il verbo mensile delle donne, censurato dalle traduzioni, per commuovere e muovere alla partenza quel popolo di schiavi che ha scelto come suo portatore di parola.

Per la potente nazione del tempo, l’Egitto, gli ebrei erano buoni solo come manovali di imprese edilizie, per la divinità erano i primogeniti della parola sacra.
Quello che viene disprezzato in terra, trova misteriosi riscatti e controvalori appena più su dell’evidenza.

La storia delle donne nella Scrittura sacra offre belle sorprese a chi per pregiudizio crede quello il libro di una divinità maschile e maschilista.

Ecco la pagina di apertura del Nuovo Testamento: Matteo scrive l’elenco delle generazioni da Abramo a Gesù. Parte da Abramo perché è il primo circonciso della storia sacra, da lui comincia il patto inciso nella carne. È una lista formata da nomi maschili ma con la deliberata intrusione di cinque donne: Tamàr, Rahàv, Rut, Betsabea e infine Miriam/Maria, ragazza madre di Gesù. Tre di loro (Tamàr, Rahàv, Rut) non sono neanche ebree, ma hanno voluto essere madri in seno a Israele. Ecco che nella discendenza più preziosa, quella che passa per Davide re e dovrà sfociare nel Messìa, c’è sangue misto di popoli vicini. La storia sacra insegna così che pure il Messìa è meticcio, niente pedigree, niente purezza di sangue. Magnifica lezione sul valore della contaminazione, perciò grazie a Matteo per averla trasmessa in apertura della nuova alleanza, grazie di più alle donne che l’hanno dimostrata con la loro esistenza.


 pubblicato su Avvenire



Giudizio Utente: / 0

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorà
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilità varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005