PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Contrappunti
Arrivano le buste-paga con sorpresa Stampa E-mail
12/02/07

tasche_vuote_vignetta.jpgIl Governo aveva giustificato il malcontento degli Italiani sulla Finanziaria con un proprio deficit di comunicazione.

In realtà, la comunicazione è stata abilissima, perché ha diffuso l'opinione che gli aggravi fiscali avrebbero riguardato solo i "ricchi", mentre tutti gli altri avrebbero beneficato di riduzioni. Per cui quasi tutti gli Italiani, che non si considerano - evidentemente - ricchi, si aspettavano novità positive...

E invece... sorpresa!

Noi, nel nostro articolo di analisi della Finanziaria per il 2007, ci eravamo permessi di osservare che le tabelle riportate sui giornali (e diffuse spesso dal Ministero dell'Economia) erano ingannevoli, perché tenevano conto di aliquote, detrazioni ed assegni familiari, ma non tenevano conto di una serie di fattori (fiscal drag, aumento dei contributi previdenziali, addizionali ed altre imposte locali, sostituzione delle deduzioni con le detrazioni, ecc.) che annullavano i benefici promessi.

I primi a verificare gli effetti della manovra sono stati i lavoratori dipendenti, già nella busta paga di gennaio. Un riepilogo dei dati emersi lo ha fatto Luca Ricolfi (editorialista con simpatie a sinistra), il quale ha scritto su La Stampa del 31 gennaio:

"Il messaggio che è passato è che la maggior parte dei lavoratori dipendenti ha avuto l’aumento promesso. Mentre la realtà è che l'ha avuto sì la maggioranza (il 62.5%), ma dei soli lavoratori dipendenti con carichi di famiglia. E poiché questi ultimi sono una minoranza (38.6%), il risultato finale è quello che abbiamo detto. L’aumento promesso in busta paga l’ha avuto il 62.5% del 38.6%, dunque il 24.1% dei lavoratori dipendenti: 1 lavoratore su 4, a essere generosi. In media, ossia considerando tutti i lavoratori dipendenti, l'aumento mensile in busta paga è dell'ordine dei 10 euro, molto meno dei 30 euro promessi in campagna elettorale."

Insomma, per Ricolfi gli aumenti in busta-paga hanno riguardato una minoranza degli Italiani, per importi esigui.
Ed anche questa minoranza vedrà presto sparire i suoi euro in più
, perché Ricolfi ha sì calcolato l'aumento dei contributi, ma non l'aumento dell'IRPEF sulla prima casa (che emergerà a luglio), né le addizionali o le altre imposte locali...

A conclusioni simili è arrivato il sindacato: già «con 1.200, 1.300 euro netti al mese si pagano più tasse di prima», ha commentato il segretario della CGIL Epifani.

Per gli autonomi, poi, le cose andranno anche peggio, visto che beneficiano di minori detrazioni e, se hanno carichi familiari... non fa niente: non hanno diritto agli assegni familiari!



Giudizio Utente: / 6

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005