PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Contrappunti
Vuoi convertirti? No, grazie. Stampa E-mail
22/10/06

portone_chiuso_chiesa.jpgNella recensione del libro inchiesta sui musulmani che in Italia vogliono convertirsi al cristianesimo, abbiamo visto il dramma umano di persone che si sentono emarginate (o addirittura braccate) dalla loro comunità di origine, e non accolte in quella che dovrebbe essere la loro nuova comunità.

E' un dramma anche politico e civile, perché alcune persone non vengono tutelate in una delle libertà umane fondamentali, garantite anche dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo adottata dalle Nazioni Unite.

Ed è un dramma che diventa sconfortante leggendo l'intervista che monsignor Walter Ruspi, direttore dell'ufficio catechistico della Cei, ha rilasciato al mensile Jesus (giugno 2006).  Alla domanda: "Sul delicato tema delle conversioni dall'islam ci sono indicazioni particolari?", monsignor Ruspi risponde: "Non è un fenomeno uniforme. In Italia non esistono dati certi, ma noi stimiamo in circa il 2-3 per cento gli adulti che chiedono il battesimo. Ci siamo dati linee di comportamento precise: se la persona, immigrata, pensa che la sua presenza nelle nostre realtà sarà provvisoria, gli consigliamo di soprassedere perché abbracciare la fede cristiana sarebbe pericoloso una volta rientrato in un Paese islamico".

"Gli consigliamo di soprassedere...". Dateci tutte le spiegazioni di questo mondo sulla "cautela", la "prudenza", il "rispetto" (di che cosa?): ma possono tradursi in un capovolgimento del più elementare spirito di accoglienza, oltre che del precetto evangelico: "Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo" (Mt 28,19)? Oltre che buoni "consigli", non siamo in grado di offrire anche aiuto concreto?
Chi bussa alle nostre porte... le troverà sprangate.



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005