PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


In Europa
Una via per l'Europa Stampa E-mail
Quale assetto per le istituzioni europee?
      Scritto da Federico Ciaffi
28/11/06
Ultimo Aggiornamento: 15/06/08

europa_mappa_bandiera.jpgTornano d'attualità i discorsi sulla modifica dei Trattati istitutivi dell'Unione Europea e sull'allargamento dell'Unione stessa. Ma con molta più prudenza che in passato, consapevoli che la struttura attuale è molto fragile.

Ricordiamo l'antefatto. L'attuale assetto istituzionale è quello definito dalle modifiche che ai Trattati istitutivi sono state apportate dal Trattato di Nizza, firmato nel 2001, ratificato e poi entrato in vigore nel 2003. Successivamente si era cercato di fare un 'salto di qualità' con il Trattato di Roma del 2004, che definivano anche una vera e propria Costituzione europea. Ma questo Trattato non è stato ratificato da Francia e Olanda, Paesi dove nel 2005 erano stati indetti referendum popolari per la sua approvazione, i quali avevano dato esito sfavorevole. Poiché per la ratifica era necessaria l’unanimità dei venticinque Paesi membri, si era dunque tornati alle norme del Trattato di Nizza. Un nuovo tentativo era stato fatto nel dicembre 2007 col Trattato di Lisbona, meno "invasivo" dei Trattati del 2004; ma nuova bocciatura da un referendum popolare, quello irlandese del giugno 2008.

L’Europa si presenta tanto più divisa e lacerata quanto più aspro diventa il confronto tra la visione di un’Europa intergovernativa fondata su una zona di libero scambio e quella di un’Europa comunitaria frutto di un’integrazione politica.

Davanti a questo scenario diventa inevitabile ripensare e far ripartire l’indispensabile cammino europeo. Per far ciò sono state prospettate due concrete soluzioni.

La prima consiste nel “puntellare” le regole comuni in attesa di nuovi leaders che possano traghettare l’Europa verso una vera e definitiva integrazione politica. Tale impostazione rinunciataria si trasformerebbe solo in un palliativo che tende a salvare il salvabile senza indicare un nuovo orizzonte.

La seconda soluzione, invece, appare come la più realista e si basa sulla costruzione di un’Europa a più velocità attraverso strumenti come le cooperazioni rafforzate. Si chiederebbe, quindi, ad ogni Stato di giocare a carte scoperte accettando onori e oneri della visione di Europa scelta e di decidere il grado di integrazione politica che vuole raggiungere nei vari campi.
Costruiremmo, così, un Super-Stato, o meglio una vera e propria locomotiva, capace di guidare tutti gli altri Stati europei trainandoli sempre più oltre i proprî interessi nazionali.
E’ questo il disegno che nel medio-lungo periodo dovrebbe trasformare la zona euro da un Euro-money a un Euro-State.

Naturalmente, bisognerà in parallelo rendere le istituzioni europee meno burocratiche e più democratiche. E, accanto al percorso istituzionale, bisognerà tracciare i contenuti che facciano sentire i cittadini più vicini alla nuova (e vecchia) Europa, interrogandosi sulle ragioni delle numerose bocciature dei nuovi trattati nei referendum popolari.
Solo all’interno di questo quadro di riferimento l’Italia tornerà ad avere quel ruolo chiave nel dialogo tra Europa e Mediterraneo che la sua posizione geopolitica le conferisce: ma le sue classi dirigenti saranno adeguatamente preparate per raccogliere questa sfida?!


P.S. C'è ancora, in molti, la speranza di rilanciare il Trattato di Lisbona, magari apportandovi alcune modifiche di dettaglio che consentano un nuovo referndum in Irlanda (qualcun altro propone di escludere dall'Unione Europea i Paesi che non ratificano le modifiche).
Ma quali sono i contenuti di questo Trattato? Rispetto al Trattato di Roma, si è rinunciato all'idea di approvare una vera e propria Costituzione dei principi dell'Unione (non si è riusciti ad elaborarne una meno lunga e farraginosa della precedente, bocciata nei referendum francese ed olandese). Ci si è limitati ad un richiamo alla Carta dei diritti fondamentali dei cittadini europei, che però ha efficacia nei singoli Stati solo allorché venga attuata la legislazione europea.
Quanto all'assetto istituzionale, viene rafforzata la guida dell'Unione (il Presidente del Consiglio europeo dura in carica due anni e mezzo), viene rafforzata la politica estera (con l'istituzione di un Alto Rappresentante per gli Affari esteri), vengono estesi i poteri del Parlamento europeo e ridotti i temi su cui serve l'unanimità dei Paesi membri. 
L'integrazione più propriamente "politica", in definitiva, ha subìto una battuta d'arresto.
Ma l'innovazione più rilevante è nel campo economico, con l'estensione del principio delle cooperazioni rafforzate, su singole materie economiche. Non un Super-Stato, ma un'Europa con una base comune e "piani alti" a geometria variabile. I Paesi che avranno più capacità di iniziativa saranno quelli che riusciranno a far parte di questa locomotiva. Essere "europei", dunque, non sarà più un dato scontato e acquisito.



Giudizio Utente: / 7

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005