PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Orientamento al lavoro - Informazioni
Le regole per lo stage Stampa E-mail
14/09/06
stagista.jpgTutte le regole dello stage
Lo stage o tirocinio formativo è uno strumento importante per iniziare a fare esperienza nel mondo del lavoro.
Con lo stage i giovani per la prima volta si confrontano con una realtà diversa dalla loro quotidianità e spesso non sanno che pesci prendere. Rischiando anche di finire sfruttati e male impiegati.
Una scialuppa di salvataggio arriva dall’Isfol, l’ente di ricerca del ministero del Lavoro, che ha realizzato un “Manuale di orientamento per il tirocinante in cerca di lavoro”.
Il manuale contiene una serie di informazioni pratiche per guidare i tirocinanti ad affrontare la vita in azienda ed è composto da quattro sezioni che aiutano a capire in cosa consiste un tirocinio, cosa dice la legge in merito e dà una serie di consigli su come comportarsi durante lo stage e come superare le difficoltà.
Secondo la legge
“il tirocinio è un’attività che ha per scopo quello di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell’ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro”.
Normative di riferimento sono l’articolo 18 della legge n. 196 del ’97, il decreto interministeriale n. 142 del 25/3/98, la circolare ministeriale n. 92 del 15/7/98 e il decreto ministeriale del 22/1/01.
Queste disposizioni definiscono le modalità di attivazione degli stage, i diritti e i doveri del tirocinante, che ha diritto alle garanzie assicurative, alla presenza di un tutor dell’ente promotore e di quello aziendale, alla redazione di un progetto formativo e al suo corretto svolgimento.
Da parte sua, lo stagiaire deve impegnarsi a fare quanto previsto nel piano formativo, seguire le indicazioni dei tutor, rispettare le regole aziendali e mantenere la riservatezza sui processi produttivi e i prodotti di cui è venuto a conoscenza durante il tirocinio.
Possono promuovere gli stage gli enti autorizzati come: i Centri per l’impiego; i centri pubblici o privati accreditati dalle Regioni o dalle Province; le università; i centri d’inserimento lavorativo per disabili, le comunità terapeutiche iscritte negli albi regionali e gli istituti scolastici.
Affinché lo stage sia valido l’ente promotore ha l’obbligo di redigere una convenzione con l’azienda ospitante.
Tutti i dettagli della normativa sono scaricabili dal sito web www.welfare.gov.it
Questa esperienza può essere formalizzata con un attestato.
Il documento è scaricabile dal sito web www.isfol.it/orientaonline, insieme alle schede di valutazione del tirocinante.
Il manuale è gratuito: per richiederlo è sufficiente spedire una mail all'indirizzo orienta.online@isfol.it, indicando nome, cognome e indirizzo postale.
- Assenze, ferie & Co  
In caso di assenza per malattia devo portare il certificato medico? Ho diritto alle ferie? In caso di maternità posso sospendere lo stage? Queste sono alcune delle domande che più frequentemente ricorrono tra i ragazzi che stanno per iniziare uno stage. Anche a questi e altri dubbi risponde il “Manuale di orientamento per il tirocinante in cerca di lavoro”, realizzato dall’Isfol.
Chi si assenta per malattia non deve presentare il certificato medico, ma è bene avvisare il tutor aziendale. Le ferie non sono contemplate in questo tipo di rapporto, in quanto non è un contratto di lavoro, ma è comunque buona norma comunicare al tutor eventuali assenze. Le future mamme hanno la possibilità di sospendere il tirocinio per l’intero periodo di astensione obbligatoria per maternità fissato per le dipendenti.
Spesso i tirocinanti si chiedono anche se hanno diritto a un rimborso spese; a questo quesito si risponde che lo stage è gratuito, ma l’azienda può decidere di elargire una somma a tale titolo, che deve essere considerata come un reddito assimilato a quello di lavoro dipendente.
Può svolgere uno stage anche chi ha un contratto di lavoro part-time non superiore alle venti ore settimanali. Dopo diciotto mesi dalla laurea si può frequentare un tirocinio di massimo sei mesi, sotto i diciotto invece può durare un anno.
Lo stage può essere interrotto in qualsiasi momento senza preavviso sia da parte dello stagiaire che dell’azienda.


Giudizio Utente: / 54

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005