PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Dagli Atenei
Studenti cercano casa Stampa E-mail
Viaggio nel mondo degli alloggi per studenti, tra contratti abusivi e caparre a fondo perduto
      Scritto da Renato Scattarella
cucina.jpg Questo sì che è un argomento caro (ma nel senso letterario della parola) agli studenti universitari.

Quanto costa oggi ad uno studente esercitare il proprio diritto allo studio?

Sicuramente cifre molto alte, soprattutto per chi, frequentando i corsi, non ha il tempo di lavorare e non può disporre di un reddito fisso. Ci sono le tasse universitarie da versare ed il costo dei libri di testo da sostenere. Per alcuni poi si aggiunge il discorso casa e lì arrivano i guai veri.

A Roma trovare un posto letto non è difficile, ma bisogna essere disposti a pagare molto e in alcuni casi non si hanno garanzie contrattuali ma si paga in nero.

Facciamo quattro conti in tasca ad uno studente tipo e vediamo quanto costa spostarsi per ricevere un’Istruzione più qualificata.

Le cifre: mediamente una camera singola da Roma in su oscilla tra i 350 ed i 500 Euro.

-monolocale in zona non centrale (zona Tiburtina) 800 euro
-camera singola, vicino l’università La Sapienza, si va dai 300 agli 800 euro
-Appartamento di due camere e soggiorno, in zona Portuense, a 900 euro al mese
-Nei pressi Nomentana, singola, no uso cucina, euro 400 spese escluse
-doppia, nei pressi Prenestina,  euro 300 spese incluse
-zona p.zza BOLOGNA affittasi app.to tre camere da letto cucina servizi vicino Luiss e Sapienza: una singola e. 470, due doppie e. 370,00 a persona.

(inserzioni tratte da www.portaportese.it)

Questo è solo qualche esempio, perché l’elenco potrebbe protrarsi all’infinito.

Il Codacons nel Giugno del 2004 ha fatto partire un esposto alla Procura della Repubblica in cui si denunciava una grave speculazione a danno degli studenti. Il reato contestato è quello di truffa, estorsione ed evasione fiscale.

Tutto è partito da un indagine, svoltasi a Roma sui costi degli affitti delle camere singole agli studenti universitari, per accertare quali siano i livelli raggiunti da questo particolare mercato immobiliare negli ultimi anni.

Fingendosi una studentessa in cerca di alloggio, una legale del Codacons ha risposto agli annunci pubblicati sulla stampa e si è recata presso le varie agenzie immobiliari che fungono da intermediari.

Ebbene, in base allo studio del Codacons è emerso che a Roma i canoni di locazione delle camere singole contrastano con quelli correnti sul mercato, laddove un immobile di media ampiezza e media posizione, ubicato nella stessa città, è locato ad un terzo in meno rispetto al valore complessivo risultante dalla somma delle locazione di tutte le camere. I contratti per gli studenti, inoltre, essendo stipulati solo verbalmente e senza registrazione, non solo non apprestano alcuna forma di tutela, ma eludono le tasse sulle locazioni.

Tuttavia, denuncia il Codacons, pur non sussistendo alcuna stipulazione scritta del contratto di locazione, viene comunque richiesto agli studenti il versamento di un deposito cauzionale, praticamente "a fondo perduto", che viene di fatto trattenuto indebitamente.

Queste prassi assicurano al proprietario una posizione di fatto e di diritto particolarmente forte poiché formalmente lo studente universitario "non solo non ha un contratto in forza del quale poter godere dell'immobile locatogli, ma non è neanche di fatto immesso nel godimento dell'immobile, mentre, al contrario, il proprietario gode appieno del proprio diritto di proprietà senza limitazioni di sorta".

L'associazione ha chiesto quindi di indagare in relazione al reato di truffa in merito alla tipologia contrattuale adoperata, di estorsione in merito al pagamento dei canoni di locazione particolarmente onerosi, al trattenimento del deposito cauzionale ed, infine, di evasione fiscale in merito al mancato versamento della tassa di registro, e di sequestrare i vani fuori legge.

 Staremo a vedere come andrà a finire. Intanto rimane il problema:

Gli alloggi pubblici delle "Case dello studente" non sono sufficienti a coprire il numero dei vincitori delle borse, e le abitazioni esistenti versano in pessime condizioni.

Essere studente fuori sede vuol dire gravare pesantemente al portafoglio (quasi sempre della famiglia): oltre alle ricordate spese per i libri, le tasse e l’affitto, c’è da fare la spesa, c’è da pagare l’energia elettrica e i trasporti.

Siamo ancora molto indietro, al punto che il diritto ad avere un’istruzione di buon livello è alla portata di molti, ma non di tutti.

Ecco allora le proposte di Unicentro (organismo universitario coordinato a livello nazionale da Sabatino Falduto) elaborate da Saverio Gioffrè, Renato Scattarella e Sabatino Falduto:

-modifica dell’attuale ripartizione delle soglie ISEU (indicatore situazione economica equivalente per l’università) per accedere alla riduzione delle tasse e alle borse di studio, al fine di adattarle alle perdite del potere d’acquisto dovuto al caro-vita, aumentando il numero degli studenti aventi diritto. Insomma riportare le tasse universitarie almeno al livello dello scorso anno accademico. -Nell’ambito del caro-affitti, l’obbiettivo deve essere quello di sollecitare un’ intervento da parte dei poteri e degli organi pubblici per porre fine alle speculazioni dei proprietari e delle agenzie immobiliari attraverso una maggiore regolamentazione del mercato, la creazione di alloggi pubblici per studenti e maggiori controlli al fine di garantire condizioni abitative dignitose.

  -Istituzione di una agenzia interna all’Adisu che funga da tramite fra lo studente e i locatari e permetta di creare un mercato regolarizzato e semplificato.



Giudizio Utente: / 7

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005