PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualità
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Città e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Contrappunti
Facili profeti / 1 Stampa E-mail
La “Robin Hood tax” ha tolto ai poveri per dare ai ricchi
      Scritto da Giovanni Martino
04/02/13

L'antefatto: nel 2008 uno dei primi provvedimenti del nuovo governo Berlusconi fu quello di istituire un'imposta - un'addizionale Ires - sui profitti delle imprese che operano in campo energetico. Quest'imposta, fortemente voluta dal ministro Tremonti, fu enfaticamente definita "Robin Hood tax", perché doveva "togliere ai ricchi per dare ai poveri".

In un nostro articolo avevamo subito segnalato il rischio della "traslazione" dell'imposta, cioè che le imprese avrebbero finito per scaricarne i costi sui consumatori, semplicemente... aumentando i prezzi.

Aggiungevamo che non serviva inserire nella legge un divieto della traslazione, se all'Autorità per l'energia elettrica e il gas non venivano assegnati poteri sanzionatori effettivi. Soprattutto, evidenziavamo - come avevano fatto gli stessi vertici dell'Autorità dell'epoca (subito sostituiti!) - che il fenomeno della traslazione non può essere evitato con divieti e controlli, ma solo se si creano le condizioni di un mercato realmente concorrenziale.

Ebbene: l'Autorità per l'energia, nella sua Relazione al Parlamento dello scorso 24 gennaio, ha evidenziato per gli anni 2009 e 2010 (i dati della traslazione per il 2011 sono ancora in corso di elaborazione) incrementi dei margini di profitto - dovuti ad aumenti di prezzo collegati a violazioni del divieto di traslazione - pari a circa a 7,8 miliardi di euro, a fronte di un ammontare del gettito dell'imposta pari 1,267 miliardi. Insomma, l'imposta ha innescato un meccanismo di traslazione che ha comportato per i cittadini-consumatori costi molto maggiori dei ricavi per il bilancio dello Stato!

Eravamo stati facili profeti...



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorà
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilità varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005