PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Buonumore
Barzellette, freddure, vignette ed altro ancora Stampa E-mail
Ultimo Aggiornamento: 23/09/12
facciamoci una bella risata...

 

NAPOLI: INDIVIDUATA ORGANIZZAZIONE DI TERRORISTI ISLAMICI
 
Sconvolgenti sviluppi delle indagini condotte negli ambienti islamici napoletani. Individuata una vera e propria rete terroristica.
Al centro delle indagini un potenziale attentatore suicida votato al sacrificio personale, SADDAM URI', e il suo mandante OMAN NAMMURI'.
Capo del commando sarebbe, invece, OMAR ESHALL.
Sospettati anche l'ambulante OMAR UKKIN, l'agente immobiliare NABEL ABARAK, l'apprendista SADDAM PARHA', il pregiudicato ARRAFF ALI', già indagato per furto, il garzone OMAN NACCA' e suo fratello OMAN NALLHA'.
Accertata la pericolosità di tali individui: "qualsiasi oggetto nelle loro mani - sostiene OMAR TIELL, terrorista dissociato - può trasformarsi in un'arma da guerriglia".
Numerosi i collegamenti all'estero: di chiare origini francesi OMAR SIGLIESS; non meglio identificato, invece, OMAR ZIAN.
Le indagini riguardano anche gli ambienti dei possibili fiancheggiatori: sospettato il noto chirurgo plastico MUSFTAFFA' NABEL AZIZ e la sua paziente, l'attrice ARIFATT.
Le cellule terroriste si sono insediate in diverse zone del napoletano, sotto il controllo di alcuni capi comunità: ACCA' ATIERR e ALLHA' OMAR. Gli insediamenti, però, sono nascosti nelle periferie cittadine, in luoghi di fortuna costruiti secondo le indicazioni di specialisti della materia: NABARAK ALI', NABARAK ALLHA'.
L'indagine prosegue.


PRODOTTI CHE... MANTENGONO LE PROMESSE

Un signore entra in un negozio di abbigliamento casual:
"Sto cercando tute mimetiche; ne avete?"
"Sì, sì ... a trovarle..."


VOCE DAL SEN FUGGITA

Due amiche:
"Ieri ho incontrato tuo marito per strada, ma non mi ha visto!"
"Sì, me lo ha detto".

***

VOGLIA DI LAVORARE

Un disoccupato viene assunto dal Comune per lavorare come becchino al cimitero del paese.
Mentre passeggia fra le tombe legge: “Qui riposa Armando Trematerra”.
Va avanti e legge: “Qui riposta Gustavo Costanzo”.
Ancora più avanti legge: “Qui riposa Francesco De Marino”…
A un certo punto si stufa ed esclama:
- Ma vuoi vedere che l’unico che lavora qui sono io?


SINCERITA'

- Quante donne hai avuto?
- Una trentina…
- Daai... Non ci credo!
- Te lo giuro! Era di Trento!!


PROVARE PER CREDERE


 

NAPOLI COL SORRISO

In un ristorante a Napoli:
- Scusate... Vorrei un calamaro. E' buono?
- Come, dottò?! Se l'è preso pure 'o signore affianco!
- Ah... E' fresco?
- Dottò... e quello si muove ancora!
- 'O calamaro?
- Nooo.. 'O signore affianco!


Il controllore dell'autobus, dopo aver osservato il biglietto di un napoletano:
- Ma questo biglietto è di ieri!
- Azz... E tu mò vieni?


DESTINO

Colmo di un matematico: vivere in una frazione


A ESSERE SINCERI...

- È vero che lavori per la televisione?
- Sì. Ancora otto rate e l'avrò pagata tutta!


FACILI ILLUSIONI

Vuoi far soldi navigando?
Vai a lavorare su un peschereccio...


LE ASSENZE CHE SI SENTONO

Cinque cannibali vengono assunti come programmatori in un'azienda di software.
Durante la presentazione, il titolare dice: "Adesso siete parte del gruppo. Qui si guadagna bene, e se avete fame potete andare alla mensa aziendale. Quindi non date noia agli altri impiegati". I cannibali promettono di non disturbare gli altri.
Quattro settimane dopo il titolare torna e dice: "State tutti lavorando bene, e sono molto soddisfatto di voi. Però ieri è scomparsa una delle ragazze delle pulizie. Qualcuno di voi sa cosa le è successo?" I cannibali dichiarano di non sapere niente della ragazza.
Dopo che il titolare è uscito, il capo dei cannibali dice agli altri: "Chi di voi idioti ha mangiato la ragazza?"
Uno alza esitante la mano ed il capo dei cannibali dice: "Imbecille! Per quattro settimane abbiamo mangiato Responsabili, Client manager e Capi-progetto in modo che nessuno si accorgesse di niente, e tu dovevi mangiarti proprio la ragazza delle pulizie?!"

 

SOFTWARE "INVADENTE"

Gentile Customer care,
un anno fa ho cambiato l'applicazione FIDANZATA 7.0 per l'applicazione MOGLIE 1.0 che ha generato subito l'applicazione BIMBO 1.0 che occupa tantissimo spazio sul disco. Le istruzioni non dicono niente di questo fatto.
Ma ciò che più mi preoccupa è che l'applicazione MOGLIE 1.0 si autoinstalla su tutte le altre mie applicazioni e in più si lancia automaticamente quando apro un'altra applicazione fermandola. Quindi applicazioni come: BIRRA_CON_GLI_AMICI 10.3 e CALCIO_DOMENICA 5.0 non funzionano più.
Qualche volta compare un virus che si fa chiamare SUOCERA 1.0 che blocca il sistema oppure fa sì che l'applicazione MOGLIE 1.0 si comporti in modo molto preoccupante.
Vorrei disinstallare MOGLIE 1.0 e reinstallare FIDANZATA 7.0 o magari un'altra versione più avanzata, ma mi sembra troppo complicato e non vorrei rischiare tanto, anche perchè BIMBO 1.0 mi piace molto.
Sono disperato! Aiutatemi!!!!!
RISPOSTA SOFTWARE HOUSE
Gentile cliente,
il suo problema è frequente tra gli utenti, ma il manuale d'istruzioni avvisava sull'ultima pagina) che passare da FIDANZATA X.0 a MOGLIE 1.0 comporta dei rischi:
- MOGLIE 1.0 non è più un'applicazione di divertimento come FIDANZATA X.0, ma è un Sistema Operativo Completo fatto per controllare tutte le altre applicazioni.
- Non è più possibile tornare a FIDANZATA X.0 perchè è stato cancellato definitivamente.
- Lo stesso vale per il virus SUOCERA 1.0 che comporta problemi di compatibilità con tutti i sistemi; quindi disinstallarla significa disinstallare MOGLIE 1.0 (che tra l'altro discende da SUOCERA 1.0). E' sempre meglio aspettare che SUOCERA 1.0 si disinstalli da sola tra qualche anno.
- Diversi utenti hanno provato ad installare AMANTE 1.0 ma i rischi sono enormi: se, per caso, in quel preciso istante si autolancia MOGLIE 1.0 il sistema andrà in tilt creando i virus: REDDITO_ALIMENTARE_BIMBO e ROVINA_SICURA.
- Se arrivi ad installare AMANTE 1.0 non provare più a passare a MOGLIE 2.0 perchè i problemi saranno maggiori.
- Per fare funzionare meglio MOGLIE 1.0 consigliamo di acquistare i pacchetti GIOIELLI con tutte le sue versioni più costose, il pacchetto VESTITI_NUOVI, ma soltanto le ultime versioni, e VACANZE_LUSSUOSE.
- Ad ogni intervento di MOGLIE 1.0 lanciare subito SI_AMORE.EXE e HAI_RAGIONE_AMORE.EXE.
- Fare attenzione ad eventuale lancio di SEGRETARIA_BIONDA_IN_MINIGONNA e NON_RISPONDERE_AL_TELEFONO perchè sono incompatibili con MOGLIE 1.0 e possono causare danni irreparabili.
Grazie per aver scelto il nostro prodotto e Le auguriamo buon divertimento.


AGGIRARE IL PROBLEMA

Un uomo va al canile per ordinare due cani.
Sul modulo scrive: "Due pastori belghi".
Poi cancella e riscrive: "Due pastori belgi", ma ci ripensa ancora e riscrive: "Due pastori belghi", quindi getta via il foglio e ne prende un altro.
Scrive: "Un pastore belga. Anzi, due."


MASCHI E FEMMINE... E' PROPRIO COSI'?

Vi segnaliamo l'installazione di nuovi Bancomat cosiddetti 'Drive-in',  che permetteranno al cliente di prelevare contanti senza scendere  dall'automobile. Al fine di facilitarne l'utilizzo, sono state sviluppate le seguenti Procedure che vi invitiamo a leggere attentamente, facendo riferimento a quella  che più si adatta al vostro caso (es. UOMO o DONNA).
- PROCEDURA MASCHILE
1. Avvicinarsi con l'autovettura al bancomat.
2. Abbassare il finestrino.
3. Inserire la carta nel bancomat e digitare il PIN.
4. Digitare l'importo desiderato.
5. Ritirare la carta, il contante e la ricevuta.
6. Richiudere il finestrino.
7. Ripartire.
- PROCEDURA FEMMINILE
1. Avvicinarsi con l'autovettura al bancomat.
2. Fare retromarcia fino ad allineare il finestrino al bancomat.
3. Riavviare il motore che nel frattempo si è spento.
4. Abbassare il finestrino.
5. Trovare la borsetta e svuotare tutto il contenuto sul sedile passeggeri per trovare la carta.
6. Localizzare la trousse e controllare il trucco sullo specchietto retrovisore.
7. Provare ad inserire la carta nel bancomat.
8. Aprire lo sportello per facilitare l'accesso al bancomat a causa  dell'eccessiva distanza dell'automobile.
9. Inserire la carta.
10. Reinserire la carta nel verso giusto.
11. Rivuotare la borsetta per cercare l'agenda con il PIN scritto sul retro della pagina di copertina.
12. Digitare il PIN.
13. Premere Cancel e digitare il PIN corretto.
14. Digitare l'importo desiderato.
15. Ricontrollare il trucco nello specchietto retrovisore.
16. Ritirare il contante e la ricevuta.
17. Svuotare ancora la borsetta per trovare il portafogli e riporci il contante.
18. Riporre la ricevuta insieme al blocchetto degli assegni.
19. Ricontrollare il trucco ancora una volta.
20. Ripartire e percorrere 2 metri.
21. Fare retromarcia fino al bancomat.
22. Ritirare la carta.
23. Rivuotare la borsetta, trovare il portafogli e collocare la carta nell'apposito comparto.
24. Ricontrollare il trucco.
25. Riavviare il motore che nel frattempo si è spento.
26. Guidare per 5 o 6 chilometri.
27. Togliere il freno a mano.
FINE 

PRECAUZIONI

- Sai perché un avvocato non può lavorare quando ha la febbre?
- Altrimenti influenzerebbe il teste...
 

"ITAGLIANO"...

- Quando muoio mi faccio cromare. (Eccellente!)
- Di fronte a queste cose rimango putrefatto! (Che schifo!)
- Arriva il treno, hai blaterato il biglietto? (...)
- Come faccio a fare tutte queste cose simultaneamente? Dovrei avere il dono dell'obliquità! (La torre di Pisa?)
- Basta! Vi state coagulando contro di me! (Trasfusione?)
- E' nel mio carattere: quando qualcosa non va, io sodomizzo! (Stategli lontano!)
- Anche l'occhio va dalla sua parte... (Si chiama strabismo...)
- Non so a che santo riavvolgermi. (Una videocassetta devota...)
- Avete i nuovi telefonini GPL? (No, mi spiace, solo benzina!)
- Il cadavere presentava evidenti segni di decesso. (Ma va?! Strano)
- Prima di operarmi mi fanno un' autopsia generale. (Auguri!)
- Abbiamo mangiato la trota salmonellata. (Ancora auguri!)
- Vorrei un'aspirina in supposte effervescenti. (L'effetto è assicurato...)
- Vorrei una maglia con il collo a volpino. (Non era lupetto?...)
- Vorrei una pomata per l 'Irpef. (Herpes è difficile...)
- Tu non sei proprio uno sterco di santo. (Menomale.)
- E' andato a lavorare negli evirati arabi. (Contento lui...)
- A forza di andare di corpo mi sono quasi disintegrata. (O disidratata?)
- Mia nonna ha il morbo di Pakistan. (...)
- La mia auto ha la marmitta paralitica. (...e al posto dei cavalli ha le sedie a rotelle?)
- Verrà in ufficio una stragista per il tirocinio. (Si salvi chi può!)
- Sono momentaneamente in stand-bike. (L'attesa in bicicletta)
- Mi sono fatta il Leasing al viso. (Pensavo un mutuo...)
- E' inutile piangere sul latte macchiato. (Meglio farlo su un bel cappuccino...)

 

IDEE CHIARE

Al distretto militare:
- Giovanotto... dove vuoi essere arruolato?
- In Marina!
- Ah, bene... un giovane deciso! A proposito... sai nuotare?
- Perché, le navi so' finite?


DISPONIBILITA'

A una fermata dell’autobus, una graziosa signora si rivolge a un signore:
- Per piacere, mi sa dire se il 29 passa di qui?
Il signore estrae di tasca una piccola agenda, la consulta e risponde:
- Mi dispiace, il 29 sono già impegnato. Possiamo fare...


LA CURA...

Moglie: - Caro, lo psicologo mi ha detto che per guarire devo andare un mese al mare, un mese in montagna e un mese in campagna. Dove andiamo prima?
Marito: - Da un altro medico!


FARSENE UNA RAGIONE

- Capo, posso uscire due ore prima oggi? Mia moglie vuole andare per negozi con me.
- Non se ne parla nemmeno.
- Grazie capo, lo sapevo che non mi avrebbe lasciato nei casini.


REPUTAZIONE

Preso il killer di Napoli: era un dipendente comunale.
Poco credibile il suo alibi: "Stavo lavorando".


IL VALORE DELLE COSE

Il prezzo dei regali a Natale è inaudito. Ricordo un Natale di alcuni anni fa, quando mio figlio era piccolo. Gli ho comprato un carro armato giocattolo. Costava più di cento dollari, una bella cifra per l'epoca. Lui ignorò il carro armato, e giocò con la scatola della confezione.
L'anno dopo imparai la lezione: lui si beccò una scatola di cartone, ed io una bottiglia di whisky da cento dollari. (Johnny Carson).


NON CI AVEVATE PENSATO?

Che cosa fanno sotto l'albero di Natale il Re di Spagna e la Regina d'Inghilterra?
I... regali!

Che cosa ci fa Babbo Natale in un campo da calcio?
Donadoni.


NATALE "AZIENDALE" IN TEMPO DI CRISI

A causa di imprescindibili esigenze di budget determinate dall’attuale situazione di crisi, si comunica che sono state adottate alcune misure per ridurre i costi di esternalizzazione e per salvaguardare i margini di progetto. Con specifico riferimento al presepe, con decorrenza immediata si dispone che:
1. gli angeli che annunciano la Natività passano da due a uno;
2. il manager deve verificare la possibilità che San Giuseppe, nei fuori orario di visita dei pastori, possa eventualmente affiancare e sostituire l'angelo rimosso;
3. il bue e l'asinello a partire dal giorno della befana vengono allocati su un altro progetto;
4. l'intervento dei re magi, costituenti una costosa esternalizzazione per di più in trasferta estera, decorrerà contrattualmente ed operativamente a partire dall'anno nuovo; inoltre come mezzo di locomozione per il ritorno useranno a turno l'asinello di cui al punto precedente;
5. vista la generale scarsità d'acqua, i cammelli saranno destinati ad altro incarico;
6. i pastori adoranti avranno a disposizione una sola pecorella a turno;
7. per la riduzione dei costi è previsto lo spegnimento della cometa a partire dalle ore 22;
8. per evitare inutili affollamenti, nel suddetto periodo vengono sospese le conversioni e le attività di proselitismo religioso;
9. dopo le ore 22 sono vietati gli schiamazzi notturni, canti, zampogne e quant'altro possa disturbare la quiete pubblica;
10. le pecore e altri animali che sosteranno davanti alla capanna, se incustoditi, saranno rimossi col carro-cammello.
Pregasi inoltre l'amministrazione di considerare l'affitto della mangiatoia e il leasing della culla in alternativa all'acquisto.


le renne di Babbo Natale


TU E IL CAPO...

Se non fai qualcosa, sei pigro. Se il tuo capo non lo fa, è troppo occupato.
Se ci metti molto tempo, sei lento. Se il tuo capo ci mette molto tempo, è accurato.
Se fai un errore, sei un idiota. Se il tuo capo fa un errore, anche lui è umano.
Se fai qualcosa senza che ti venga detto, è presunzione. Se il tuo capo fa la stessa cosa, è iniziativa.
Se ti impunti, è testardaggine. Se lo fa il tuo capo, è fermezza.
Se non osservi una regola di etichetta, sei maleducato. Se lo fa il tuo capo, è un tipo originale.
Se prendi un giorno di malattia, sei sempre ammalato. Se il tuo capo prende un giorno di malattia, deve stare veramente male…


PAROLA DI ZSA ZSA GABOR...

"Una donna ha bisogno di quattro animali nella vita: una Jaguar in garage, una tigre nel letto, un visone sulla pelle e... un asino che paghi!"


EPITAFFIO

"Qui giace Napoleone.
 Non tutto... Bonaparte!"


LE ATTESE DEL CAPO

Un macellaio stava lavorando nel suo negozio e si sorprese quando vide entrare un cane.Lo cacciò, ma il cane tornò subito. Cercò quindi di mandarlo via ancora, ma si rese conto che il cane aveva un foglio in bocca. Prese dunque il foglio e lo lesse: "Mi potrebbe mandare dodici salsicce e tre bistecche di manzo, per favore?" Il macellaio notò pure che il cane aveva in bocca un biglietto da 50 euro. Così prese le salsicce e le bistecche e le mise insieme in una busta che mise nella bocca del cane.
Il macellaio rimase molto colpito e, siccome era già ora di chiudere il negozio, decise di seguire il cane che stava andando in strada con la busta tra i denti. Quando il cane arrivò ad un incrocio, lasciò la busta sul marciapiede, si alzò sulle zampe posteriori e con una delle anteriori schiacciò il pulsante dei pedoni per cambiare il segnale del semaforo. Prese di nuovo la busta ed aspettò pazientemente che il semaforo desse il via ai pedoni. Allora attraversò la strada e camminò fino ad una fermata del bus, mentre il macellaio stupefatto lo seguiva da vicino.
Alla fermata il cane guardò verso la mappa delle rotte e degli orari e si sedette sul marciapiede ad aspettare il suo bus. Ne arrivò uno che non era il suo, ed il cane non si mosse. Arrivò quindi un altro bus ed il cane, dopo aver visto che era quello giusto, salì dalla porta posteriore affinché il conduttore non lo potesse vedere. Il macellaio, a bocca aperta, lo seguì. All'improvviso il cane si alzò sulle zampe posteriori e toccò il campanello della fermata, sempre con la busta tra i denti.
Quando il bus si fermò, il cane scese, e dietro di lui il macellaio, ed entrambi camminarono per la strada finché il cane si fermò davanti a una casa. Pose la busta sul marciapiede e, prendendo la rincorsa, si lanciò contro la porta. Ripeté l'azione diverse volte, ma nessuno gli aprì. Allora il cane fece il giro della casa, saltò un recinto, si avvicinò ad una finestra e, con la testa, colpì diverse volte il vetro. Ritornò alla porta, che si aprì, e comparve un uomo che cominciò a picchiare il cane.
Il macellaio corse verso l'uomo e gridò: "Santo cielo, che cosa sta facendo? Il suo cane è un genio!"
L'uomo, irritato, rispose: "Un genio? Questa settimana è la seconda volta che si dimentica le chiavi!!!"
Morale: tu puoi fare cose grandiose, ma agli occhi del tuo capo sarai sempre al di sotto delle attese.


NON TI PERMETTERE ! (DI DIRE QUELLO CHE PENSO ANCH'IO)

Una moglie torna a casa con una pelliccia nuova di zecca. La figlia, ecologista convinta, inveisce contro la madre:
- Ma mamma!!! Ti rendi conto di quanto quella povera bestia abbia dovuto soffrire perché tu avessi questa pelliccia?
- Luigina, come ti permetti di parlare così di tuo padre???

 

L'ATTENZIONE ALLA QUALITA'

- Che tipo di olio usa la tipica massaia genovese ?
- Quello della vicina.


EFFICIENZA

Un pastore stava pascolando il suo gregge di pecore, in un pascolo decisamente lontano e isolato, quando all'improvviso vede avvicinarsi una BMW nuova fiammante che avanza lasciandosi dietro una nuvola di polvere.
Il guidatore, un giovane in un elegante abito di Versace, scarpe Gucci, occhiali Ray Ban e cravatta Yves Saint Laurent, rallenta, si sporge dal finestrino dell'auto e dice al pastore:
"Se ti dico esattamente quante pecore hai nel tuo gregge, me ne regali una?"
Il pastore guarda l'uomo, evidentemente uno yuppie, poi si volta verso il suo gregge e risponde con calma:
"Certo, perché no?"
A questo punto lo yuppie posteggia l'auto, tira fuori il suo computer portatile della Dell e lo collega al suo cellulare della AT&T. Si collega a internet, naviga in una pagina della NASA, seleziona un sistema di navigazione satellitare GPS per avere un'esatta posizione di dove si trova e invia questi dati a un altro satellite NASA, che scansiona l'area e ne fa una foto in risoluzione ultradefinita. Apre quindi il programma di fotoritocco digitale della Adobe, Photoshop, ed esporta l'immagine a un laboratorio di Amburgo in Germania che dopo pochi secondi gli spedisce un'e-mail sul suo palmare Palm Pilot, confermando che l'immagine è stata elaborata e i dati sono stati completamente memorizzati. Tramite una connessione ODBC accede a un database MS-SQL e su un foglio di lavoro Excel con centinaia di formule complesse carica tutti i dati tramite e-mail con il suo Blackberry. Dopo pochi minuti riceve una risposta e alla fine stampa una relazione completa di 150 pagine, a colori, sulla sua nuovissima stampante HP LaserJet iper-tecnologica e miniaturizzata, e rivolgendosi al pastore esclama:
"Tu possiedi esattamente 1586 pecore!"
"Esatto. Bene, immagino che puoi prenderti la tua pecora a questo punto", dice il pastore, e guarda il giovane scegliere un animale che si appresta poi a mettere nel baule dell'auto.
Il pastore quindi aggiunge:
"Hei, se indovino che mestiere fai, mi restituisci la pecora?"
Lo yuppie ci pensa su un attimo e dice:
"Okay, perché no?"
"Sei un consulente", dice il pastore.
"Caspita, è vero - dice il giovane -, come hai fatto a indovinare?"
"Beh, non c'è molto da indovinare, mi pare piuttosto evidente: sei comparso senza che nessuno ti cercasse, vuoi essere pagato per una risposta che io già conosco, a una domanda che nessuno ti ha fatto e non capisci un cavolo del mio lavoro. Ora restituiscimi il cane!"


ELEMENTARE, WATSON!

- Commissario, è vero che c'è stato un furto al supermercato?
- Sì, hanno rubato duemila scatole di sigarette e una tonnellata di carote.
- Avete dei sospetti?
- Stiamo cercando un coniglio con la tosse.


AMICI E CONOSCENTI

Due persone diverse...
Un semplice conoscente,quando viene a casa tua,agisce come un invitato.
Un vero amico apre il tuo frigo e si serve..
Un semplice conoscente non ti ha mai visto piangere.
Un vero amico ha le spalle temprate alle tue lacrime.
Un semplice conoscente non conosce i nomi dei tuoi genitori.
Un vero amico ha i loro numeri di telefono nell'agenda.
Un semplice conoscente porta una bottiglia di vino alle tue feste.
Un vero amico arriva presto per aiutarti a cucinare e rimane fino a tardi per aiutarti a pulire.
Un semplice conoscente detesta che tu lo chiami dopo l'orario in cui è abituato ad andare a dormire.
Un vero amico ti chiede come mai hai messo tanto tempo a chiamarlo.
Un vero amico si informa della tua romantica storia d'amore.
Un semplice conoscente potrebbe fare dell'ironia su questa.
Un semplice conoscente pensa che l'amicizia sia finita dopo una disputa.
Un vero amico ti chiama dopo una disputa.
Un semplice conoscente si aspetta che tu sia sempre pronto per lui.
Un vero amico è sempre pronto per te.


FREDDURE... ESTIVE

Via i chili di troppo con la dieta della Macedonia.
Perdi 5 kg in una settimana facendo il pastore sulle alture di Salonicco!

- Chi è il dio del mare?
- Nettuno!
- Ma è impottibile, qualcuno dovrà pur ettere!!!

Una rosa entra in un pub e ordina:
- Una birra alla spina!


UN AMORE D.O.C. …

Un giorno di marzemino, al primo chiaretto dell'alba, camminavo nella champagne dell'Oltrepo' pavese, in mezzo al nebbiolo.
Il tempo era un inferno, il cielo era verdicchio tendente al grignolino.
Mi riparai sotto un pinot e lì incontrai una soave donna fugata che aveva un vestito molto rosè.
Non essendo recioto, tutto spumante, le diedi un dolcetto bacio sul bianco collio.
Ma lei non volle che andassi oltre....
Deluso e rosso di borgogna, le dissi: "Chardonnay moi, madame".
E la salutai con l'amarone in bocca e un groppello in gola…


UN TEAM DI LAVORO AFFIATATO

 

A BEN GUARDARE...

Un signore appena morto, si presenta al cospetto di San Pietro:
- Mi dispiace - gli dice il Santo - ma tu qui non puoi entrare, devi andare all'inferno. Vediamo... al momento è libero un posto all'inferno tedesco ed uno in quello italiano. Dove vuoi andare ?
Avvilito il poveretto risponde:
- Dipende... può dirmi come sono organizzati i due inferni?
- Nell'inferno tedesco al mattino un diavolo comincia a darti martellate sulla testa fino all'ora di pranzo. A mezzogiorno si mangiano vermi e dopo ti fanno scalare un monte di cocci di vetro con le ginocchia. La sera il boia ti frusta per un paio d'ore e poi ti mandano a letto su un materasso di chiodi.
Distrutto dalla descrizione il signore chiede:
- E in quello italiano?
- Nell'inferno italiano al mattino un diavolo comincia a darti martellate sulla testa fino all'ora di pranzo. A mezzogiorno si mangiano vermi e dopo ti fanno scalare un monte di cocci di vetro con le ginocchia. La sera il boia ti frusta per un paio d'ore e poi ti mandano a letto su un materasso di chiodi. 
- Ma è la stessa cosa! A questo punto uno vale l'altro...
Impietositosi, San Pietro gli dice:
- Mi sei simpatico. Non dirlo a nessuno... ma ti consiglio quello italiano.
- Ma se sono uguali...
- Sì, ma nell'inferno italiano... un giorno manca il martello, un altro le fruste, un altro il boia fa sciopero...


IL 'TRAUMA' DEL DIVORZIO

Che differenza c'è tra un divorzio e un terremoto?
Nessuna. In entrambi i casi hai buone probabilità di perdere la casa...


DESTINO

Il colmo per un attore? Essere nato a Camerino.


OVVIO...

- Perché non si e' mai visto uno scheletro buttarsi col paracadute?
- Perché non ha fegato!


LA PAZIENZA HA UN LIMITE...

Un uomo entra nel negozio di un distributore di benzina:
- Assumete impiegati?
- No, siamo al completo. Abbiamo già tutti i lavoratori che ci servono.
- Bene! Allora che ne dite di mandarne qualcuno fuori per farmi il pieno?!?


ADATTAMENTO

Una donna in genere preferisce essere bella anziché intelligente, perché in generale l'uomo medio ha la vista più sviluppata del cervello.


UN
A PERSONA "NORMALE"...

Durante una visita ad un manicomio, l'ospite domandò al Direttore quale fosse il criterio per definire se un paziente dovesse essere ricoverato.
"Bene - disse il Direttore - riempiamo una vasca da bagno e dopo offriamo un cucchiaino, una tazza da tè e un secchio al paziente e gli domandiamo di svuotare la vasca da bagno".
"Ah! Ho capito - disse l'ospite. Una persona normale userebbe il secchio perché è più grande del cucchiaino e della tazza da tè".
"No - rispose il Direttore - una persona normale toglierebbe il tappo. Le va bene un letto vicino alla finestra?"
P.S.: Hai pensato anche tu al secchio?
Che posto preferisci, finestra o corridoio?


LUI E' PEGGIO DI ME

Un tipo sta guidando la macchina, quando a un certo punto capisce di essersi perso. Avvista un signore che passa per strada, accosta al marciapiede e gli grida: ”Mi scusi, mi potrebbe aiutare? Ho promesso a un amico di incontrarlo alle due, sono in ritardo di mezz'ora e non so dove mi trovo..”
“Certo che posso aiutarla. Lei si trova in un automobile, a 44° 30' 18'' di latitudine Nord e 18° 36' 20' di longitudine Est, sono le 12 e 23 primi e 35 secondi e oggi è lunedì 7 aprile 2008 e ci sono 20,3 gradi centigradi”.
“Lei è un impiegato?” - chiede quello dentro l'automibile.
“Certamente. Come fa a saperlo?”
“Perchè tutto quello che mi ha detto è 'tecnicamente' corretto, ma praticamente inutile. Infatti non so che fare con l'informazione che mi ha dato e mi ritrovo ancora qui perso per strada!”.
“Lei allora deve essere un dirigente, vero?”, risponde stizzito l'impiegato.
“Infatti lo sono. Ma… da che cosa l'ha capito??”
“Abbastanza facile: lei non sa dove si trova, né come ci è arrivato, né tanto meno dove andare, ha fatto una promessa che non sa assolutamente mantenere ed ora spera che un altro le risolva il problema; di fatto è esattamente nella condizione in cui si trovava prima che ci si incontrasse... ma adesso, per qualche strano motivo... risulta che la colpa è mia!”


REGOLE PER UNA "SANA" GIORNATA

Dicono che tutti i giorni dobbiamo mangiare una mela per il ferro e una banana per il potassio.
Anche un'arancia per la vitamina C e una tazza di tè verde senza zucchero, per prevenire il diabete. Tutti i giorni dobbiamo bere due litri d'acqua (sì, e poi rifarli, che richiede il doppio del tempo che hai perso per berteli).
Tutti i giorni bisogna mangiare un Actimel o uno yogurt per avere i 'L. Cassei Defensis', che nessuno sa bene che cosa cavolo sono, però sembra che se non ti ingoi per lo meno un milione e mezzo di questi bacilli (?), inizi a vedere sfocato.
Ogni giorno un'aspirina, per prevenire l'infarto, e un bicchiere di vino rosso, sempre contro l'infarto. E un altro di bianco, per il sistema nervoso. E uno di birra, che già non mi ricordo per che cosa era. Se li bevi tutti insieme, ti può dare un'emorragia cerebrale, però non ti preoccupare perché non te ne renderai neanche conto.
Tutti i giorni bisogna mangiare fibra. Molta, moltissima fibra, finché riesci a evacuare un maglione. Si devono fare tra i 4 e 6 pasti quotidiani, leggeri, senza dimenticare di masticare 100 volte ogni boccone. Facendo i calcoli, solo in mangiare se ne vanno 5 ore. Ah, e dopo ogni pranzo bisogna lavarsi i denti, ossia dopo l'Actimel e la fibra lavati i denti, dopo la mela i denti, dopo il banano i denti... e così via, finché ti rimangono dei denti in bocca, senza dimenticarti di usare il filo interdentale, massaggiare le gengive, il risciacquo con Listerine...
Bisogna dormire otto ore e lavorare altre otto, più le 5 necessarie per mangiare, 21. Te ne rimangono 3, sempre che non ci sia traffico.
Secondo le statistiche, vediamo la televisione per tre ore al giorno. Ma non dovrebbe essere possibile, perché tutti i giorni bisogna camminare almeno mezz'ora (per esperienza: dopo 15 minuti torna indietro, se no la mezz'ora diventa una).
Bisogna mantenere le amicizie perché sono come le piante, bisogna innaffiarle tutti i giorni. E anche quando vai in vacanza, suppongo. Inoltre, bisogna tenersi informati, e leggere per lo meno due giornali e un paio di articoli di rivista, per una lettura critica.
Ah!, si deve fare l'amore più volte a settimana, però senza cadere nella routine: bisogna essere innovatori, creativi, e rinnovare la seduzione.
Bisogna anche avere il tempo di spazzare per terra, lavare i piatti, i panni, e non parliamo se hai un cane o ... dei FIGLI??? Accompagnali a scuola, a nuoto, alla festa dei compagni di classe, a catechismo, aiutali a fare i compiti, vai a parlare con i professori.
Bisogna anche coltivare interessi fuori casa: un giorno vai a vedere uno spettacolo, un giorno ad una mostra, un giorno al corso di pittura, due fai volontariato, la domenica a messa e alla partita (o a trovare i suoceri).
Insomma, per farla breve, i conti mi danno 29 ore al giorno.
L'unica possibilità che mi viene in mente è fare varie cose contemporaneamente: per esempio: ti fai la doccia con acqua fredda e con la bocca aperta, così ti bevi i due litri d'acqua. Mentre esci dal bagno con lo spazzolino in bocca fai l'amore (tantrico) con il marito / la moglie, che nel frattempo guarda la tele e ti racconta, mentre tu lavi per terra. Su internet puoi navigare di notte, mentre dai il biberon a tuo figlio; i messaggi su facebook li consulti mentre rifiati tra una serie di addominali e l'altra.
Ti è rimasta una mano libera?? Chiama i tuoi amici! E i tuoi! Bevi il vino (dopo aver chiamato i tuoi ne avrai bisogno). Il BioPuritas con la mela te lo può dare tuo marito/moglie, mentre si mangia la banana con l'Actimel, e domani fanno cambio.
Però, se ti rimangono due minuti liberi, diffondi questi consigli tra i tuoi amici (che bisogna innaffiare come una pianta).


LE PRIORITA'

Un professore, davanti alla sua classe di filosofia, senza dire parola, prende un grande barattolo vuoto, e procede a riempirlo con palle da golf.
Dopo di che chiede agli studenti se il barattolo è pieno. Gli studenti sono d’accordo e dicono di sì.
Allora il professore prende una scatola piena di biglie di vetro e la versa dentro il barattolo. Le biglie riempiono gli spazi vuoti tra le palle da golf.
Il professore chiede di nuovo agli studenti se il barattolo è pieno e loro rispondono che questa volta sì, è davvero pieno.
Il professore però prende una scatola di sabbia e la versa dentro il barattolo. Ovviamente la sabbia riempie tutti gli spazi vuoti e il professore chiede ancora se il barattolo è pieno. Questa volta gli studenti rispondono con un sì unanime e convinto.
Il professore aggiunge velocemente due tazzine di caffè al contenuto del  barattolo, così da coprire davvero tutti gli spazi vuoti tra la sabbia. Gli studenti si mettono a ridere.
Quando la risata finisce, il professore dice:
“Voglio che vi rendiate conto che questo barattolo rappresenta la vita. Le palle da golf sono le cose importanti come la nostra Fede, la famiglia, i figli, gli amici, l’amore, un lavoro, le cose che ci appassionano. Sono cose che, anche se perdessimo tutto, e ci restassero solo quelle, le nostre vite sarebbero ancora piene.
Le biglie di vetro sono le altre cose che ci interessano, come la casa, la macchina, la carriera, etc.
La sabbia è tutto il resto: le piccole cose.
Se prima di tutto mettessimo nel barattolo la sabbia, non ci sarebbe posto per le biglie né per le palle da golf.
La stessa cosa succede nella vita. Se utilizzassimo tutto il nostro tempo e le nostre energie per le cose piccole, non avremmo mai spazio per le cose realmente importanti.
Dunque, fate attenzione alle cose che sono cruciali per la vostra felicità: coltivate la vostra intimità con Dio, giocate con i vostri figli quando ne avrete, prendetevi il tempo per andare dal medico, concedetevi momenti piacevoli con vostro marito o vostra moglie. Praticate anche - senza ossessioni - il vostro sport o coltivate il vostro interesse preferito; non tralasciate le buone letture.
Ci sarà sempre tempo per pulire casa, per riparare la chiavetta dell’acqua, per lucidare la macchina, per navigare a caso su internet, per documentarsi su tutte le nuove funzionalità di un cellulare... Occupatevi prima delle palle da golf, delle cose che realmente vi importano. Stabilite le vostre priorità; il resto è solo sabbia”.
Uno degli studenti alza la mano e chiede che cosa rappresenta il caffè. Il professore sorride e dice:
“Sono contento che tu mi faccia questa domanda. È solo per dimostrarvi che non importa quanto occupata possa sembrare la vostra vita: c’è sempre posto per un paio di tazzine di caffè con un amico”.

 

Successivo (Archivio 1) >

Barzellette politiche >



Giudizio Utente: / 42

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005