PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Attualitą e Costume
L'informazione che conta Stampa E-mail
La scelta fra i formalismi sociali e una comunicazione autentica
      Scritto da Paola Morgigni
03/10/11
Oggi si associa la parola "informazione" prevalentemente all'universo mass-mediatico. Ci si aggiorna su un po’ di tutto: l'andamento della crisi economica, gli sviluppi delle indagini sui crimini commessi con maggiore crudeltà, le novità tecnologiche. Si conosce la vita privata dei personaggi famosi, si dedicano ore e ore agli scandali dei politici, si parla abbondantemente di diete, di chirurgia estetica, di sport…

Non si sta perdendo, però, la buona abitudine di essere “informati” sulle persone che si conoscono?

Quando ci s’incontra, può succedere che il tradizionale: "Come stai?" sia detto attendendo, solo ed esclusivamente, una risposta rassicurante, ma a volte falsa. Una risposta che sarà data: per non causare problemi, per l'incapacità di svelare se stessi, per la superbia di pensare con ostinazione di potercela fare da soli o anche per la debolezza di non saper chiedere aiuto.
Si aspetta così, con avidità, la frase di risposta: "Sto bene". Seguita, a volte, da una frettolosa nuova domanda, che pareggia la partita: "E tu come stai?".
Tutto si conclude con l'ultima banale affermazione: "Bene".

Questo gioco verbale dura pochi secondi, il tempo sufficiente per accertarsi che nessuno abbia grossi problemi da risolvere e che, soprattutto, se li ha non voglia rivelarli.
Tanto, anche se fossero "gridati”, sarebbero probabilmente ignorati oppure darebbero inizio alla fuga: "Non ho tempo, ora devo andare, ti chiamo domani".
Potrebbe anche cominciare il contrattacco, con il racconto di altrettanti gravi problemi, tali da neutralizzare i primi e giustificare un "non intervento di soccorso". Dopo un “match” veloce di guai, fatto con lo scopo di cercare di stabilire, senza riuscirci, chi li ha più "pesanti e drammatici", si può persino arrivare a un tacito patto d'indifferenza reciproca...

E pensare che si dovrebbe, invece, dare il via a un'azione di scambio d'aiuto; ma non accade quasi mai.
Così, piuttosto che sentirsi ignorati, rifiutati e - persino - giudicati, rischiando di diventare oggetto delle chiacchiere e dei commenti cattivi degli "amici degli amici"… sì, allora è meglio tacere. Meglio affermare, in un sol fiato e senza pentimenti (ma mentendo): "Sto bene".

Insomma, oggi rischiamo di dover parlare di tutto, ma non di noi; di essere preparati su ogni tema proposto agli opinionisti televisivi, tralasciando di comunicare cosa realmente accade nella vita.
Se solo si riuscisse a farlo, forse si eviterebbero i formalismi sociali, specialmente quando sono fatti d’ipocrisia e non servono a nulla. Si vivrebbe un po' meno informati sul mondo e più solidali gli uni con gli altri.

Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005