PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Lettere
"Ho fatto un sogno". Lettera aperta ai moderati Stampa E-mail
28/03/11


Nel 1989 la caduta del muro di Berlino aveva segnato la decadenza ed il tramonto del comunismo.

Tutti sappiamo come nel mondo i comunisti siano andati al potere, e che mai hanno portato  benessere e libertà ai popoli.
Mi sembra di ricordare che l'assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, in data 25 Gennaio 2006, ha approvato una risoluzione presentata dal Deputato Svedese Goran Lindblad a nome del PPE, intitolata " Necessità di una condanna  Internazionale dei Crimini del  Comunismo", nella quale si condannavano i "Crimini del Comunismo". Nel rapporto che accompagnava la proposta di risoluzione si accreditava la cifra di circa 100 Milioni di morti causati direttamente o indirettamente dal comunismo, cosicché questo risulterebbe - almeno come  numero di vittime - addirittura più funesto del nazismo.

Il comunismo dovrebbe essere scomparso in quasi tutto il mondo, ad esclusione di pochi disgraziati paesi.
E però ho fatto un sogno…

Ho sognato che nel nostro Paese qualcuno sembra ancora credere che il comunismo possa risolvere i problemi degli Italiani.

A parole, la sinistra italiana dice che quel sistema è superato. Nei fatti, non ha mai voluto condannare la propria storia, si mostra indulgente con i regimi comunisti ancora esistenti, continua ad invocare l’intervento dello Stato come panacea di ogni male, continua a seguire la strada della delegittimazione dell’avversario politico.

Bersani, Vendola e compagni straparlano. Ma cosa propongono? Non è dato sapere.
Non fanno altro che dire che "Berlusconi è finito politicamente". Ma l'alternativa?
Questi leader continuano a illudere il popolo con prospettive in cui neanche essi credono.

Nel sogno assistevo a manifestazioni e scioperi. Nonché ad interviste - da parte di amici “compiacenti“ - a personaggi politici che non hanno più una vera rappresentanza sia alla Camera che al Senato: parlano e straparlano come se ancora esistessero, dando la sensazione che solo loro possono risolvere i problemi degli Italiani e quelli del mondo. Seduta stante.
Pensano ancora di essere i portavoce di un Popolo che li ha annientati elettoralmente.
Gli italiani, però, non sono cretini e hanno ben capito con chi hanno a che fare

Poi, da questo strano sogno mi sono svegliato, chiedendomi se fosse parte di una verità.

Ho ascoltato le notizie alla radio, letto i giornali... e ho constatato che non era un sogno, ma la – triste – realtà.

Oggi, pertanto, è necessario rivolgere un appello a tutti i moderati, cattolici e laici: incontriamoci, parliamone, proponiamo progetti futuri per il bene dei nostri figli e nipoti, che saranno gli uomini del domani.

                                                                                   Umberto Borzi
                                                                            Umberto_borzi@libero.it



Mandaci anche tu il tuo commento



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005