PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Contrappunti
Bertoldo, gli Austriaci e il mancato riformismo della sinistra italiana Stampa E-mail
Le riforme invocate a parole e tradite nei fatti
      Scritto da Giovanni Martino
04/10/10
Bertoldo nell'interpretazione di Ugo Tognazzi
Bertoldo nell'interpretazione di Ugo Tognazzi

Bertoldo - protagonista delle avventure narrate da Giulio Cesare Croce -  è il contadino che incarna la furbizia per antonomasia.

Condannato a morte da re Alboino, accetta di buon grado la sua sorte, chiedendo però un’ultima grazia: quella di essere impiccato ad un albero di suo gradimento. Grazia concessa.

Ma, dopo anni di ricerche, in tutto il regno longobardo non era stato trovato l’albero adatto...

Questo aneddoto su Bertoldo sembra adattarsi perfettamente (lo ha ricordato di recente il ministro Sacconi, di formazione socialista) all’incapacità della sinistra italiana si porsi nei fatti – e non a parole – come sinistra “riformista”: i suoi dirigenti riconoscono la necessità delle riforme (delle pensioni, del mercato del lavoro, della giustizia, del sistema fiscale, ecc.), ma – ostaggi del massimalismo: comunista, vendoliano, giustizialista, dipietrista, girotondino, viola, grillino, sindacalista, radicale, ecc.  - non trovano mai l’albero giusto a cui appenderle...

Oggi, in particolare, è di attualità la divisione interna al PD sulla riforma della legge elettorale da tutti invocata.

Alla paralisi riformista della sinistra ben si attaglia anche la celebre frase con cui Napoleone si faceva beffe degli Austriaci: "Ils sont toujours en retard: d'une journée, d'une armée, d'une idée (sono sempre in ritardo: di un giorno, di un'armata, di un'idea)". Così i vertici della sinistra italiana, che in genere sposano le grandi svolte storiche (Nato, Unione Europea, economia di mercato, ecc.) alcuni decenni dopo che sono avvenute.

Abbiamo già cercato di analizzare le radici di una crisi di identità che conduce a questa incapacità riformista. Di cui è corollario l’incapacità di offrire una credibile alternativa di governo, che vada oltre le “sante alleanze” antiberlusconiane.

Ma forse l’immagine di Bertoldo - e degli Austriaci - ci restituisce l’immediatezza di una crisi che rasenta la farsa.



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005