PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Cultura - Storia
E l'attacco alla "cultura del dono" produsse assistenzialismo Stampa E-mail
La legge Crispi, rottura anticlericale delle reti di solidarietą
      Scritto da Giuseppe Dalla Torre
20/08/10
L'assistenzialismo produce 'adulti'... incapaci di badare a se stessi
L'assistenzialismo produce 'adulti'... incapaci di badare a se stessi

Secondo Sergio Romano, che ha scritto sul Corriere della Sera di sabato 14 agosto un lungo articolo su Francesco Crispi, i governi dell’uomo politico siciliano «crearono il primo Stato assistenziale italiano».

L’affermazione è esatta, anche se verrebbe da ricordare  che quei governi si trovarono in un tornante epocale che nell’Europa occidentale segnò il passaggio dalla forma di Stato liberale, quello per intenderci del laissez faire, alla forma di Stato solidarista e sociale che si sarebbe poi sviluppata rigogliosamente nel Novecento. Resta comunque il merito di aver avviato un processo riformatore, ispirato al principio secondo cui lo Stato non può limitarsi a fare da arbitro, al di sopra delle parti, intervenendo solo per dirimere conflitti tra individui o gruppi; ma che compito dello Stato è anche, e primariamente, quello di intervenire nella società, per rimuovere gli ostacoli che impediscono a tutti i cittadini l’ esercizio dei diritti e la fruizione delle libertà di cui sono astrattamente titolari. Insomma: compito della Stato solidarista e sociale è quello di garantire l’eguaglianza, non solo formale, ma anche sostanziale.

Dato dunque a Cesare quel che è di Cesare, ci si può però domandare: quale il costo delle riforme con cui Crispi ha avviato la trasformazione dello Stato in senso sociale? O meglio: quale è stato il costo di quelle riforme, in ragione delle modalità con cui furono attuate?

Il pensiero va al 1890, quando una sciagurata legge che portava il nome del suo proponente, Francesco Crispi appunto, nazionalizzò, pubblicizzò e laicizzò, cioè sottrasse alla Chiesa, decine di migliaia di Opere pie. Si trattava di istituzioni assistenziali, sociali e sanitarie nate tra medioevo ed età moderna per iniziativa della società civile e, in particolare, della comunità cristiana. Erano la manifestazione, ricca e rigogliosa, di sentimenti solidaristici, frutto di un’identità forgiata dal cattolicesimo, col suo insegnamento sul primato della carità; erano espressione di una società civile che si dava da fare, mettendo risorse economiche e personali per i più disparati bisogni. Con le legge Crispi lo Stato in sostanza non creò una propria rete assistenziale: si appropriò di quanto era già esistente nella società civile.

Quell’intervento normativo, ultima espressione della legislazione eversiva e anticlericale dello Stato liberale ottocentesco, lese una pluralità di diritti: dei fondatori, dei gestori, di coloro che avevano lasciato o donato patrimoni vincolandoli a finalità sociali con ragioni religiose, della stessa Chiesa. Ma soprattutto ci ha lasciato una pesante eredità sul piano culturale.

La legge Crispi, infatti, recise d’un colpo una cultura della solidarietà formatasi nel corso dei secoli. Essendo ormai tutto in mano pubblica, da allora gli italiani - anche se sempre con le dovute eccezioni - si guardarono bene dal lasciare beni allo Stato, ai Comuni, o alle strutture sanitarie e assistenziali, scolastiche o universitarie. Anche se benestanti, cominciarono a pensare di poter pretendere tutto dallo Stato e che tutto è dovuto a tutti, senza costi o con contributi effimeri. Dalla assistenza si passò all’assistenzialismo, che ha svuotato le casse pubbliche.

Oggi, in tempi di vacche magre per la finanza pubblica, si sollecita la società civile a sostenere le istituzioni sociali, culturali, assistenziali. Ma non c’è più la cultura del dono a favore della collettività; e riformare una cultura è impresa che richiede tempi lunghi, oltre che condizioni adeguate.


 pubblicato su Avvenire



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005