PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Attualitą e Costume
Ragazzi a letto alle dieci per vivere felici Stampa E-mail
Il debito di sonno rende irritabili, fa calare il rendimento scolastico. E si rischia la depressione
      Scritto da Simona Ravizza
03/01/10
'Super-gufi': ragazzi che passano le ore davanti al pc e non dormono mai
'Super-gufi': ragazzi che passano le ore davanti al pc e non dormono mai
Per mandare a letto presto i figli di YouTube e Facebook, forse, è sempre meglio affidarsi a Jim Morrison convinto che, per merito dei sogni, nel sonno è possibile trovare quello che il giorno non può dare. I genitori più coraggiosi, però, d’ora in avanti possono appellarsi anche a mister James E. Gangwisch, psichiatra del Columbia University Medical Center di New York, sicuro che ritardare troppo l’ora di coricarsi può portare alla depressione. Lo dimostrano i risultati del suo studio appena pubblicato dalla rivista scientifica Sleep.

Vecchi (e bei!) tempi quelli del Carosello che, con gli sketch comici tra le 20.50 e le 21, faceva scattare il coprifuoco per i più piccoli di casa. «Oggi gli adolescenti hanno già perso in media un’ora e mezzo di sonno rispetto a mamma e papà — ricorda Claudio Mencacci, ai vertici della Società italiana di psichiatria —. Sotto la spinta degli stimoli di internet & Co., i giovanissimi ingaggiano una lotta continua con l’orologio biologico per chiudere gli occhi il più tardi possibile».

È il sonno perduto dei ragazzi che adesso gli esperti mettono più che mai sotto accusa. Per gli studiosi del Columbia University Medical Center i super-gufi, come vengono definiti i figli della generazione sveglia di notte e assonnata di giorno, corrono il 24% in più di rischi di soffrire di disturbi depressivi e hanno perfino il 20% in più di probabilità di covare pensieri suicidi. Il termine di paragone è con i coetanei che vanno a letto non più tardi delle 10 di sera. L’indagine è stata condotta su 15.659 adolescenti tra i 7 e i 12 anni. A letto presto, insomma, contro la depressione.

Ma non solo: «Il debito di sonno rende più irritabili, fa diminuire il rendimento scolastico, favorisce l’uso di stimolanti e di comportamenti aggressivi», sottolinea Luca Bernardo, primario di Pediatria al Fatebenefratelli di Milano e coordinatore della Commissione per la prevenzione del disagio e del bullismo voluta dal ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini. Per scongiurare i guai con la salute psicofisica ci vogliono 8 (meglio ancora 9) ore di sonno. Un numero difficile, però, da trovare nella pratica quotidiana.

I giovanissimi sono stressati per il poco riposo soprattutto per colpa di tv, computer e cellulari accesi fino a tardi: è quanto ribadito lo scorso luglio dai ricercatori della Drexel University di Philadelphia. Del resto, dall’indagine — pubblicata su Pediatrics, la rivista ufficiale dell’American Academy of Pediatrics — emerge che ormai il 66% dei teenagers ha la televisione in camera da letto.

«È un circolo vizioso pericoloso - spiega il neurologo Lino Nobili alla guida del Centro per la cura dei disturbi del sonno dell’ospedale milanese Niguarda -. Andare a letto tardi favorisce la depressione, ma nello stesso tempo chi è già portato a soffrirne tende a non addormentarsi mai».

Ma i metodi brutali servono a poco. L’avvertimento arriva dalla psicologa infantile Silvia Vegetti Finzi: «I genitori sono chiamati a dare soprattutto il buon esempio. È importante, per dire, che l’orario della cena non sia troppo posticipato, anche se spesso si torna a casa tardi per motivi di lavoro. Le abitudini corrette, poi, vanno insegnate con pazienza quando i bimbi sono ancora piccoli».

Insiste Mencacci: «La voglia di vivere tutto e subito è tipica dell’adolescenza. Il vero insegnamento da tramandare ai figli, allora, è di non avere paura del futuro e di non bruciare la gioventù. Così magari si convincono anche a riposare di più». Godersi momento per momento, sembra il segreto suggerito dagli esperti, anche con la testa sul cuscino e gli occhi chiusi. Buonanotte, dunque, anche ai babycibernauti.


 pubblicato sul Corriere della Sera



Giudizio Utente: / 0

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005