PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualità
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Città e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Contrappunti
Fecondazione artificiale dopo i 45 anni: quando la maternità è un capriccio effimero Stampa E-mail
Donne che "ci ripensano" dopo essere rimaste incinte...
      Scritto da la Repubblica
07/01/10

All’epoca del dibattito sui referendum abrogativi della legge sulla fecondazione artificiale, ci sforzavamo di segnalare quali erano i valori in gioco: la maternità/paternità è un desiderio legittimo, anche un “diritto” in senso lato; ma non un diritto assoluto, non può cioè infrangere altri diritti, come quelli del nascituro (che non è il mezzo per soddisfare aspirazioni).
Nei genitori che ignorano il senso delle leggi di natura, che considerano la tecnoscienza al servizio dei loro desideri, spesso c’è una tragica sottovalutazione delle conseguenze, la quale trasforma i desiderî in capricci.
Lo dimostra una cronaca “insospettabile", apparsa su
la Repubblica (ed. locale di Torino) del 7-1-2010 con il titolo “Mamme dopo i 45 anni in aumento”.


Si sentono "mamme artificiali". Fantasticano, e qualche volta sognano, quella ragazza molto più giovane, forse più bella, certamente più povera che ha ‘donato´ – un eufemismo – i suoi ovociti perché loro potessero diventare madri quando la natura lo renderebbe difficile o impossibile.

(...) Marisa P., 47 anni, è una manager bancaria, gestisce patrimoni importanti. Separata da 9 anni, a 45 ha incontrato il suo nuovo compagno, ma il figlio così desiderato non poteva più arrivare. Quando è rientrata dal viaggio (per la donazione dell’ovocita, pratica vietata in Italia, ndr), nel suo caso a Bruxelles, ha chiamato le amiche, felice: «È tutto a posto, sono incinta, forse avrò due gemelli». Ma nessuno l´aveva avvertita che – alla sua età – problemi come il diabete o la preclampsia, possibili in qualsiasi gravidanza, diventano molto più probabili. E quando i medici le hanno detto che per parecchie settimane sarebbe stato meglio non lavorare è scoppiata in lacrime: «Non sono davvero i miei bambini, non sono pronta».



Giudizio Utente: / 9

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorà
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilità varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005