PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Nel Mondo
Moore (s)confessato da un blogger Stampa E-mail
Molte delle accuse anti-Bush si rivelano una montatura
      Scritto da Renato Scattarella
14/09/05
 

Ricordate Fahrenheit 9/11, il film-documentario in cui Michael Moore - regista-militante dell'estrema sinistra americana - ricostruì i fatti dell'11 settembre mettendo alla berlina il presidente Bush? Il film, uscito nel 2004 durante la campagna elettorale per le presidenziali, vinse addirittura la palma d'oro al Festival di Cannes! (Quando si dice la decadenza della cultura europea).

In America gli stessi democratici più moderati - i clintoniani - avevano già rilevato che quel documentario era troppo fazioso (si veda l'analisi Cinquantanove inganni nel film Fahrenheit 9/11), creando una reazione contraria che avrebbe contribuito alla rielezione di Bush.

Ora il mondo dei blog segna un nuovo successo (dopo quello che ha costretto alle dimissioni Dan Rather, il più celebre giornalista televisivo americano, che aveva diffuso un documento compromettente contro Bush rivelatosi falso). Il giovane Cooney Maloney, blogger per passione, regista di professione e conservatore per convinzione, è riuscito a far 'confessare' a Michael Moore che le teorie sostenute nel film non sono una verità accertata, ma solo un punto di vista di parte. Il modo in cui lo ha fatto è il migliore che ci si potesse immaginare: realizzando un film nello stile di Moore, ma contro lo stesso Moore. Nel corso del cortometraggio Moore, messo alle strette, è costretto a confessare di aver sostenuto una verità di comodo per i democratici. Oltre alla rivelazione abbastanza scontata dell’inaffidabilità delle sue teorie, si apprende anche la succosa notizia che il direttore della Miramax, che produce e distribuisce i suoi film (oltre a quelli di Benigni tanto amato dalla nostra sinistra), è un noto sostenitore dei democratici. Il film è scaricabile nel blog di Maloney, Brain-Terminal.com.

P.S. Nell'articolo 11 settembre, indagine sulle ipotesi di complotto, viene spiegato perché queste ipotesi sono infondate.



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005