PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Nel Mondo
Cina: libri occidentali stampati. E purgati Stampa E-mail
Gli stampatori cinesi (molto economici) vogliono censurare anche le copie da diffondere in Occidente
      Scritto da Stefano Montefiori
01/08/08

libri_censura.jpgFinché ci sono da stampare Barbapapà, i Puffi o Calimero, nessun problema. Le edizioni Gründ sono solite ottenere dalla tipografia cinese un lavoro a basso prezzo e impeccabile. Soprattutto nei libri pop-up, a tre dimensioni, ormai una vera specialità degli stampatori asiatici. Ma all'inizio di luglio la casa editrice francese ha inviato i file di un'enciclopedia illustrata, Savoir, che sarà venduta in ottobre, e che naturalmente comprende le voci Dalai Lama e Mao Zedong. La tipografia cinese stavolta non ha passato il controllo delle autorità e ha chiesto alla Gründ di togliere la fotografia del Dalai Lama e di correggere il testo su Mao sorvolando sugli orrori della Rivoluzione culturale.

La casa editrice si è rivolta all'azienda francese che ha in appalto la revisione dei testi e la gestione delle «ciano» (le ultime bozze pronte per la stampa definitiva), ma la società invece di ubbidire ha avvertito il giornale on line Mediapart, fondato dall'ex direttore di Le Monde Edwy Plenel, accusando gli editori di «calare le braghe di fronte alla repressione cinese». La censura stavolta non colpisce i cittadini cinesi o i giornalisti inviati all'Olimpiade, ma arriva dritta nelle librerie delle case occidentali (la censura, infatti, colpisce anche le copie stampate nelle nostre lingue e destinate alla diffusione in Occidente! Ndr), nelle nostre, ultimo e inatteso sottoprodotto della delocalizzazione. L'ultima fiera del libro di Francoforte, nell'ottobre scorso, ha visto la consacrazione delle tipografie del Sud della Cina, che hanno aumentato la loro presenza del 30% rispetto all'anno precedente. Nello stand della Hengyuan Printing Co., basata a Canton (Guangzhou), la rappresentante Stephanie Chen esibiva una suntuosa edizione francese del gatto Garfield spiegando di essere in grado di consegnare 5.000 libri agli esigenti clienti di Italia, Francia e Spagna nel giro di 3/5 settimane, a un prezzo estremamente competitivo.

I volumi illustrati per bambini, anche in italiano, sono ormai sempre più spesso realizzati in Cina. Ma, con i Giochi alle porte, i cinesi non si limitano più a stampare. Vogliono controllare il contenuto anche dei volumi che comunque non verranno mai venduti nel loro Paese. La prima tipografia cinese è il gigante Leo Paper Group, che dispone di una fabbrica a Heshan dove lavorano (e dormono negli appositi dormitori) 26 mila operai. Un'altra azienda importante è la Media Landmark Printing, basata a Hong Kong e diretta da due imprenditori italiani, Maurizio Caprotti e Manuele Bosetti. Proprio la Media Landmark Printing è al centro in Australia di un altro caso di censura, molto simile a quello francese, venuto alla luce martedì scorso. Il quotidiano The Age ha scritto che la casa editrice Hardie Grant, pronta a pubblicare la nuova enciclopedia Book of Knowledge, si è vista chiedere dalla Media Landmark Printing di Hong Kong di emendare i passaggi sui «milioni di morti» provocati dalla politica del «Grande balzo in avanti» e sulla «scarsa tolleranza del Partito comunista cinese verso gli oppositori politici». L'e mail arrivata a Melbourne da Hong Kong parla di «estremo nervosismo dei funzionari cinesi sui temi sensibili». La direttrice della Hardie Grant, Fran Berry, ha reagito dicendo che «non faremo alcuna modifica e se i cinesi si rifiutano di stampare quelle frasi lo faremo noi». Maurizio Caprotti della Media Landmark Printing ha spiegato a The Age che c'è grande preoccupazione per le possibili mosse delle autorità, ma che vista la reazione della Hardie Grant le bozze per il momento non verranno toccate. Dopo giocattoli, magliette, sneakers, arrivano i libri (censurati) made in China.


pubblicato sul Corriere della Sera



Giudizio Utente: / 1

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005