PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualità
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Città e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Cinema - Recensioni e Profili
"Io vi troverò" Stampa E-mail
Un action movie che può far riflettere
      Scritto da Domenico Martino
08/09/08

io_vi_trovero.jpgIo vi troverò (Taken) 
di
Pierre Morel
sceneggiatura: Luc Besson, Robert Mark Kamen
con Liam Neeson, Maggie Grace
Francia 2008


Se cercate un film per passare una serata spensierata, Io vi troverò non fa per Voi.
Se invece non avete deciso di lasciare cuore e cervello a casa, e cercate un film avvincente, l’ultimo film scritto e prodotto da Luc Besson è la scelta giusta.

Infatti, il film è un action-movie drammatico che vi terrà inchiodati alla poltrona per un’ora e mezzo. Un padre deve affrontare il dramma della figlia diciassettenne rapita da un’organizzazione che commercia in prostitute... Il ritmo è incalzante e non vi sono cali di tensione: per non privarvi delle emozioni, dunque, non vi sveleremo i dettagli della trama.

Il ruolo del protagonista non era facile, ma l’interpretazione di Liam Neeson è convincente e contribuisce a coinvolgere lo spettatore, il quale è costretto ad aprire gli occhi su un problema drammatico, che si fa finta non esista, ma è purtroppo realistico e attuale.

Si è peraltro di fronte a una pellicola che, pur con  gli elementi paradossali del genere action-movie (comprese le scene di violenza cui tale genere oggigiorno fa ricorso), offre numerosi spunti di riflessione.
Molto interessante è l’analisi delle dinamiche familiari tratteggiate, soprattutto nella prima parte: il ricatto affettivo dei figli che ha facile sponda nella divisione dei genitori; l’incapacità dei genitori di rivestire un ruolo che deve sapere dire dei "no"; una visione infantile della vita tipica di chi vive in contesti avulsi dalla realtà.

Insomma, non è una storia che ha la pretesa di fare introspezione psicologica; ma, per chi sa approfittarne, può lasciare emozioni e spunti di riflessione più duraturi della proiezione.



Giudizio Utente: / 6

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorà
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilità varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005