PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Contrappunti
Ben detto, Presidente! Stampa E-mail
Napolitano invoca la possibilitą dei cittadini di scegliere i propri rappresentanti
      Scritto da Giovanni Martino
14/07/08

napolitano_giorgio_presidente.jpgGiorgio Napolitano, a due anni dalla sua elezione, si è dimostrato – a nostro parere – un ottimo Presidente della Repubblica, sulla scia del predecessore Ciampi. Equilibrato, libero da ogni condizionamento di parte, ha al tempo stesso saputo evitare un’interpretazione del suo ruolo dimessa e notarile.

Lo abbiamo già segnalato quando ha saputo denunciare la demagogica esaltazione della “piazza” (un luogo comune diffuso anche nella parte politica da cui proviene), ribattendo prontamente ad un’infelice uscita dell’allora presidente del Consiglio Prodi.

Oggi dimostra nuovamente coraggio, in un’intervista rilasciata l’11 luglio all’agenzia di stampa russa Itar-Tass: “Penso che vadano fatte sia riforme del sistema elettorale, sia alcune riforme costituzionali. E anche che si debbano modificare parecchie altre cose: per esempio, i regolamenti parlamentari. Una nuova legge elettorale dovrebbe garantire, innanzitutto, un rapporto diretto tra elettori ed eletti: gli elettori debbono effettivamente poter scegliere tra i candidati chi dia loro più fiducia”.

Il Presidente della Repubblica, insomma, formula un invito diretto ad adottare una precisa soluzione legislativa. Non pronuncia espressamente la frase “voto di preferenza” (c’è chi rileva come anche il sistema uninominale consenta, in parte, di scegliere direttamente il proprio rappresentante), ma il concetto è chiaro. Un concetto che avevamo espresso, in maniera articolata, in un nostro precedente articolo sui sistemi elettorali.

Qualche fariseo dei palazzi del potere potrà lamentare l’ “ingerenza” presidenziale; potrà parlare dei rischi che il voto di preferenza incrementi i costi della politica (fingendo di non sapere che esistono accorgimenti – collegi ristretti, ecc. – che evitano tali rischi).
Ma a noi pare che di fronte ad un clamoroso esproprio della volontà popolare, come quello che consente a due-tre leader politici di nominare il Parlamento (per cui l’elezione diventa in pratica una mera ratifica), al garante della Costituzione sia richiesto un intervento chiaro e coraggioso.

Ben detto, Presidente!


P.S. Bisogna anche vigilare che PDL e PD, tanto presi a litigare in questo periodo, non ritrovino magicamente l’intesa – con reciproca convenienza - per ridurre ulteriormente gli spazî di democrazia. Ad esempio, eliminando il voto di preferenza dov’è ancora presente, nella legge elettorale per le elezioni europee, che si svolgeranno il prossimo anno.



Giudizio Utente: / 5

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005