PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - In Europa
Quest'Unione ha un problema con i popoli Stampa E-mail
I referendum contrarī ai nuovi trattati evidenziano la richiesta di maggiore democrazia
      Scritto da Vittorio E. Parsi
14/06/08

ue_statimembri.jpg(...) Il segnale politico forte che si ricava dal referendum irlandese è che, praticamente ogni volta che in questo o quel Paese è interpellato, il popolo vota contro l'Unione. Successe così in Francia e Olanda in occasione del referendum di ratifica dell'ambiziosa Costituzione. È successo ora con il ben più modesto Trattato. Neppure questa pezza ha convinto gli Irlandesi, che pur dall'Europa han ricevuto tanto, e ben lo sanno, visto che assai bene lo hanno anche speso per il loro progresso. Sono forse ingrati gli irlandesi, o magari un po' 'bifolchi', come erano 'protestatari' i francesi e troppo 'egoisti' gli olandesi?

No, il punto è un altro. Ed è precisamente che in questi anni, il progressivo scivolamento di autorità e competenza verso Bruxelles ha significato un oggettivo spossessamento di sovranità non degli Stati europei (i cui responsabili han fatto subito quadrato intorno a Barroso), ma dei popoli europei. Il cittadino europeo sa infatti che col suo voto può mandare a casa i suoi governanti nazionali, ma che nulla può fare davvero per tutelarsi dalle decisioni che la tecnocrazia politico-burocratico-giudiziaria dell'Unione assume quotidianamente, al riparo di una sostanziale irresponsabilità politica.

Qual è il posto del popolo sovrano nella costruzione della postmoderna Unione? Dove sono i meccanismi attraverso i quali i governanti siano efficacemente fatti responsabili innanzitutto verso i governati?

Ai nostri occhi si presenta una costruzione che sembra sempre più allergica alla presenza dell'elemento politico insostituibile per la legittimità di qualsiasi costruzione democratica: il popolo con la sua sovranità. E il popolo non perde occasione per ribellarsi all'Europa dei bramini e dei grand comis, di ribadire che non gli sta bene di essere in qualche modo governato e di ricordarci che il 'governo della legge' senza il corollario necessario della 'legittimazione attraverso il consenso del popolo' è cosa ben diversa dalla democrazia liberale.


pubblicato su Avvenire



Giudizio Utente: / 3

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005