PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualità
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Città e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Politica - Notizie e Commenti
Ricolfi: "la fine del Governo Prodi è iniziata già nel 2005, con le bugie sul Cavaliere" Stampa E-mail
La caduta del Governo vista da sinistra
      Scritto da Paolo Conti a colloquio con Luca Ricolfi
24/01/08

ricolfi_luca.jpgAltro che aprile 2006. Il dubbio sulla tenuta del futuro governo Prodi cominciò a serpeggiare nella coscienza progressista-doc di Luca Ricolfi («ero e resto uomo di sinistra») addirittura nel febbraio 2005 quando l’Unione era appena delineata: «Stavo lavorando sul rapporto Dossier Italia del nostro Osservatorio del Nord-ovest e mi resi conto che la maggior parte delle accuse formulate dal centrosinistra contro Berlusconi erano false o distorte. E che quindi la futura coalizione non sarebbe nata solo sull’odio antiberlusconiano. Ma addirittura sulla menzogna».

Quali bugie? Il docente di Analisi dei dati alla facoltà di Psicologia di Torino stila un elenco con uno stile che ricorda il fortunato pamphlet, [edito da] Longanesi, Perché siamo antipatici? La sinistra e il complesso dei migliori: «Il loro smentire ostinatamente il deficit di bilancio consegnato a Berlusconi nel 2001. Che invece c'era, enorme. Il negare che l'occupazione, sotto Berlusconi, era genuinamente aumentata. L'accusare il Cavaliere di aver mentito sulle pensioni minime: bastava riguardarsi la cassetta di Berlusconi da Vespa col famoso contratto per risentirlo distinguere i requisiti di reddito necessari per ottenere gli aumenti». Conclusione: «Mi si chiarì l'idea di una coalizione che non avrebbe potuto far nulla semplicemente perché partiva da un'analisi sbagliata della condizione della società italiana». Siamo alla prima tappa della via dei dubbi di Ricolfi sul governo Prodi.

Seconda tappa. Piena campagna elettorale, diciamo febbraio-marzo 2006: «La sinistra fece promesse impossibili mentre insisteva sulla drammaticità dei conti pubblici. Si parlava di sfascio e si annunciava una politica fiscale per le famiglie e, promessa delle promesse, che le tasse non sarebbero aumentate». Ricolfi avverte che ora userà l'arma del sarcasmo: «Ecco, io non sono affatto deluso da Prodi. Nel senso che ha fatto ciò che mi aspettavo da una maggioranza tenuta su, ripeto, dalle menzogne e dall’antiberlusconismo».

Infine terza (ma non ultima) tappa, il senso generale dello Stato: «Ho scritto tutto il male possibile sulle leggi-vergogna di Berlusconi, sul conflitto di interessi, quindi sullo scarso senso dello Stato del centrodestra. Su quel punto mi sarei aspettato un atteggiamento diverso». E invece, dice il professore, altra delusione: «Invece nessun tema di natura istituzionale è stato seriamente affrontato con un minimo di tempestività e serietà. Perché non può dirsi autentica attività legislativa il semplice annuncio». Un esempio tra i tanti? «Mi viene in mente la Rai. La mancata espulsione della politica da viale Mazzini, dalla sanità, dalle municipalizzate».

Alle tre tappe va aggiunta l’ultima certezza, scaturita con l’approvazione della seconda legge finanziaria di Prodi prima di Natale: «La prima del 2006, con un problema aperto di bassa crescita, tirò fuori una stangata fiscale che prevedeva un riflesso negativo dello 0,3% sul Pil. Quest’anno sono stati invece aperti i cordoni della borsa con un effetto peggiorativo sui conti pubblici... uno schizofrenico stop and go. Due finanziarie sbagliate su due».

Ricolfi ha un solo rimpianto: «Aver intitolato il mio ultimo libro uscito quattro mesi fa L'arte del non governo. L’ideale era L'arte del gambero. Perché questo governo non solo ha rallentato, di fatto con Berlusconi, l’azione riformatrice durata dal '92 al '97. Ma ha innestato la retromarcia». E cita un'altra (secondo lui) menzogna: «Nei nostri calcoli il recupero dell'evasione fiscale si riduce a due, forse tre miliardi. Spero di essere smentito. Ma mi pare difficile». Tra poco uscirà il rapporto 2007 dell'osservatorio ricolfiano, Ostaggi dello Stato, le origini del declino e dell’insicurezza. Previsioni fosche, annuncia il professore. «Quasi peggio di quanto abbiamo visto in questi venti mesi in cui non è cambiato nulla. Né nei metodi di governo, né nei programmi attuati, né nei contenuti...»


pubblicato sul Corriere della Sera col titolo Ricolfi: "la fine nel 2005 con le bugie sul Cavaliere"



Giudizio Utente: / 5

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorà
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilità varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005