PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - Contrappunti
Non bariamo, senatore Stampa E-mail
Con la scusa di difendere gli omosessuali da violenze, si vuole introdurre un reato di opinione
      Scritto da Ernesto Galli Della Loggia
12/12/07
Ultimo Aggiornamento: 05/01/08

baro.jpgSarebbe bene che nelle discussioni politiche importanti non ci fosse posto per chi falsifica i termini delle questioni. Come invece fa, con mia sorpresa, il senatore Ignazio Marino scrivendo ieri su «Repubblica» che chi nutre dei dubbi sul decreto antiomofobia (lo chiamo così per capirci) votato l'altro giorno dal Senato non vuole «riconoscere come punibile la violenza per motivi razziali, etnici, nazionali, religiosi, o fondati sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere». Come dire: libertà di pestaggio, o peggio, contro rom, gay e islamici. Ma vogliamo scherzare, senatore Marino? Lei sa benissimo che non è così. Non è affatto in questione, come lei disinvoltamente ripete, il «condannare la violenza di chi discrimina» (condanna sulla quale siamo tutti d'accordo), bensì di sanzionare un nuovo reato d'opinione (e di che se no?) consistente nel vago, indefinibile, «incitamento» a discriminare. Si misuri con i problemi veri, dunque, non cambi le carte in tavola.

Pubblicato sul Corriere della Sera nella rubrica "Calendario".
Ricordiamo che su una norma tanto grave non c’è stato nessun dibattito parlamentare: il Governo, con un colpo di mano dell’ultimo minuto, su pressione della sinistra estrema, ha inserito la norma “antiomofobia” nella legge di conversione del decreto “antiviolenza”, ponendo la fiducia! Viste le proteste di molti senatori della maggioranza, il Governo ha chiesto di votare ugualmente la fiducia (senza la quale sarebbe caduto), “promettendo” un successivo decreto che dovrebbe cancellare la norma!! L’unico parlamentare di maggioranza che non ha accettato questa pagliacciata (anche perché la sinistra già urlava che di cancellazioni non se ne parlava) è stata la senatrice Binetti.
Chi ha tolto le castagne dal fuoco al Governo è stato il presidente della Repubblica Napolitano, il quale ha fatto sapere di non essere disposto a firmare la pubblicazione di una legge inapplicabile, perché conteneva un erroneo riferimento ad un trattato internazionale. Il Governo è stato quindi costretto a ritirare il decreto.



Giudizio Utente: / 4

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005