PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Notizie - In Europa
Qualcosa di nuovo sorge a Est? Stampa E-mail
Il cinema rumeno, una realtą economica in grande crescita
      Scritto da Fabio Izzo
03/12/07

cristian_mungiu_regista.jpgQualcosa di nuovo sembra sorgere a Est. Dopo la Storia, è il cinema, la settimana arte, a realizzare i sogni di un popolo. La madre Europa torna ad abbracciare antichi fratelli, slavi e latini, separati in casa per anni, un tempo soggiogati da una “guerra fredda” persa in casa e sottoposti al peso di un invadente partito comunista. Ora tornano – perché, come si dice al cinema, “a volte ritornano” - accolti dagli euroscettici non proprio a braccia aperte.

Romania e Bulgaria, non più solo zingari o mandanti di Alì Agca, ora europei. Europei per nascita, quanto per definizione lo sono i cittadini di Sofia e di Bucarest. Europei con il fardello di una storia pesante e di un’economia ridotta al minimo di sussistenza. Lì, dove i libri di storia restano ancora un po’ più pesanti da aprire che nel resto d’Europa, lì nuove energie nascono per risollevare un Vecchio Continente come il nostro e si mettono in moto al rumore del primo ciak.

Il cinema ha scelto l’Est Europa. Hollywood - dove le industrie cinematografiche si riunirono perché detassate dal governo Usa - si sposta in Romania, che rimane sempre più a Ovest di Bollywood e sempre più a Est di Cinecittà.

La location Romania è un esempio eclatante di quel che è accaduto, considerato come rumore di fondo, sottovoce, senza troppe urla, ma con i fatti che parlano attraverso numeri considerevoli. Blockbusters come Ritorno a Could Mountain e Oliwer Twist hanno radici romene; non solo Dracula e Transilvania al cinema, dunque. In un paese dove il Pil è pari a 248 miliardi di dollari, un quinto dell’economia nazionale (anche grazie all’indotto) gira intorno al cinema, visto che i produttori americani vi hanno speso complessivamente in loco, solamente lo scorso anno, una cifra vicina ai 50 milioni di dollari.

Nel 1997 vi furono le prime avvisaglie del boom, e il budget medio per ogni pellicola girata in Romania si aggirava intorno alle ottocento-novecento migliaia di dollari. Attualmente le cifre spese per un film ammontano a trecento-quattrocento mila dollari a bimestre. Da quanto documenta la rivista made in USA “The Hollywood Reporter”, su un totale di spesa attestato intorno agli 80-90 milioni di euro complessivi del costo di un film, il 20% di tale cifra rimane in Romania.

Durante i mesi di lavorazione per la produzione del film trovano lavoro più di duecento persone. Senza considerato l’indotto trascinato: di conseguenza guadagnano anche gli albergatori, i ristoratori, i free lance e le piccole attività locali.

Com’è comprensibile, non è quindi facile calcolare il reale giro di affari che l’industria cinematografica internazionale realmente muove. Le produzioni realizzate in Romania hanno un costo del 70% inferiore rispetto a quelle prodotte negli Usa e Canada, del 60% in meno rispetto a Praga e del 30% meno che in Ungheria.

Gli studi romeni di cinematografia hanno triplicato la loro attività in soli sei anni. E a beneficiare di questo imprevisto e creativo exploit economico è anche la cinematografia rumena in generale, che negli ultimi mesi non solo produce, ma esporta anche i suoi prodotti.
Un tempo era impensabile la sola produzione di film come A Est di Bucarest di Corneliu Porumboiu, discreto successo commerciale e di critica anche qui da noi, visto che ci ha pensato il cineasta Nanni Moretti a promuoverlo e proiettarlo al suo Nuovo Sacher di Roma; ed è altrettanto vero che proprio nessuno, qualche anno fa, avrebbe mai scommesso sul fatto che la Palma d’oro del cinema di Cannes potesse andare ad un film rumeno, cosa che è avvenuta alla scorsa 60esima edizione, quando ad aggiudicarsi il titolo è stato 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni di Cristian Mungiu.
Tutti segni di un fenomeno che funziona, che trascina e che affascina.

Romania: nuovo modello verso cui guardare per i sogni di celluloide e un’economia che riprende a mettersi in marcia.

 



Giudizio Utente: / 6

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005