PRIMA PAGINA
faq
Mappa del sito
Temi caldi
Temi caldi
Notizie
Attualitą
Politica
Economia
In Europa
Nel Mondo
Contrappunti
Intorno a noi
Cittą e Quartieri
La Regione
Religione
Notizie e commenti
Cattolici e politica
Documenti ecclesiali
Link utili
Cultura
Libri
Cinema
Musica
Fumetti e Cartoni
Teatro
Arte ed eventi
Storia
Scienze e natura
Rubriche
Focus TV
Sport
Mangiar bene
Salute
Amore e Psiche
Soldi
Diritti
Viaggi e motori
Tecnologia
Buonumore
Login Utente
Username

Password

Ricordami
Dimenticata la password?
Indicizzazione
Convenzioni


Soldi - Informazioni
Nuove modalitą per la detrazione delle spese per farmaci Stampa E-mail
Le regole in vigore dal 1 luglio
      Scritto da Redazione
17/07/07

farmaci.jpgLe spese farmaceutiche sono detraibili al 19%, insieme con le altre spese mediche, con una franchigia di 129,11 €. Se ad esempio in un anno sono stati spesi 500 € per l’acquisto di farmaci, su tale importo, al netto della franchigia (quindi sull’importo di € 370,89), è possibile avere una detrazione d’imposta (e quindi un rimborso) del 19%, pari a 70,47 €.

Che cosa è necessario fare per usufruire di tale agevolazione?

Bisogna presentare la dichiarazione dei redditi (mod. 730 o Unico), per poter inserire l’ammontare delle spese effettuate nell’apposito riquadro.

Bisogna poi conservare (per esibirla al CAF o al commercialista, nonché - entro i cinque anni successivi - in caso di eventuali controlli) la documentazione giustificativa. E qui entrano in gioco le novità introdotte dalla Finanziaria per il 2007, in vigore dal 1 luglio.

Innanzitutto, le farmacie dovranno ora rilasciare un nuovo tipo di scontrino – il c.d. “scontrino parlante” -, in cui non sia indicata solo la generica dicitura “farmaci” o “medicinali”, ma il nome preciso del farmaco acquistato. Lo scontrino dovrà anche contenere l’indicazione del codice fiscale del destinatario del farmaco.
Se la farmacia non è ancora dotata di un registratore di cassa in grado di emettere scontrini col codice fiscale del destinatario, fino al 31 dicembre sarà possibile aggiungerlo a penna sullo scontrino emesso.
Se lo scontrino non è in grado di indicare neanche il nominativo del farmaco, fino al 31 dicembre bisognerà pretendere dal farmacista - insieme con lo scontrino fiscale – un documento recante precisazioni sulla natura, sulla qualità e sulla quantità delle medicine vendute e contenente il codice fiscale del destinatario.

Oltre allo scontrino, bisogna anche conservare la documentazione che attesti la necessità dei farmaci acquistati.
Se si tratta di farmaci per i quali non è previsto l’obbligo di ricetta medica, è sufficiente un’autocertificazione sulla necessità dell’uso di tali farmaci per motivi di salute propri o dei familiari a proprio carico (è sufficiente un’unica autocertificazione per tutti i medicinali acquistati nell’anno).
Se invece si tratta di farmaci per i quali è previsto l’obbligo di ricetta, non è più sufficiente – come in passato – l’autocertificazione. Ora è necessario conservare la ricetta, o una sua fotocopia se l’originale dev’essere trattenuto dal farmacista.



Giudizio Utente: / 5

ScarsoOttimo 




Ricerca Avanzata
Aggiungi questo sito ai tuoi preferitiPreferiti
Imposta questa pagina come la tua home pageHomepage
Agorą
Lettere e Forum
Segnalazioni
Associazionismo
Comunicati
Formazione
Dagli Atenei
Orientamento
Lavoro
Concorsi
Orientamento
Impresa oggi
Link utili
Informazione
Associazionismo
Tempo libero
Utilitą varie
Link consigliati
Zenit.org
La nuova Bussola
   Quotidiana
Storia libera
Scienza e fede
Il Timone
Google
Bing
YouTube
meteo
mappe e itinerari
Google Maps e
  Street View
TuttoCittà Street
  View
Link amici
Facciamoci sentire



Questo sito utilizza Mambo, un software libero rilasciato su licenza Gnu/Gpl.
© Miro International Pty Ltd 2000 - 2005